Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca

Terremoto, gli esperti: «Nessun morto, è un miracolo. Aspettiamoci altre scosse»

Gianluca Valensise, ricercatore dell'Ingv, «Questo terremoto ci insegna come siano possibili più scosse in replica anche di magnitudo elevata». E Mario Tozzi avverte «Nessuno può prevedere cosa accadrà»

«Dal 1980, terremoto dell'Irpinia magnitudo 6.9, non si registrava una scossa così forte in Italia, come quella di oggi tra Macerata e Perugia di magnitudo 6.5»: lo ha spiegato Gianluca Valensise, dirigente di ricerca dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.

Il terremoto dell'Irpinia del 23 novembre del 1980 segnò infatti magnitudo 6.9, prima ancora nel '76, il 6 maggio, in Friuli scosse intorno a magnitudo 6.4-6.5. Successivamente il livello di magnitudo registrato è di 5.9 in Emilia nel maggio 2012, 6.3 all'Aquila il 6 aprile 2009, terremoti nel Parco nazionale dell'Abruzzo intorno al 5.8-59. O Colfiorito del 97 iniziato il 26 settembre 1997 con diverse scosse fino a magnitudo 6. «E proprio questo terremoto di Colfiorito - ha spiegato l'esperto - insegna come siano possibili più scosse in replica anche a distanza di tempo di magnitudo elevata. Tre furono le scosse importanti: due il 26 settembre e una il 14 ottobre. Anche nel 1783 in Calabria cinque grandi scosse nell'arco di due mesi». «I terremoti italiani preferiscono venire a grappoli piuttosto che isolati, anche se - ricorda - i terremoti molto grandi possono venire anche isolati, come quello dell'irpinia del 1980, a Messina il 28 dicembre del 1908 di

Il centro Italia non ha pace dal 24 agosto,  Amatrice e Arquata, scossa di magnitudo 6.0, il 26 ottobre due scosse 5.4, e 5.9 nel maceratese, al confine con la provincia di Perugia, oggi 6.5 epicentro Norcia, tra le province di Perugia e Macerata. Cosa sta succedendo?  «Si tratta della stessa struttura dell'altro giorno che continua a muoversi, che scivola vesto il basso. E' come se fossero grossi blocchi di roccia che vanno verso il basso di 15-20 centimetri, e quando vanno verso il basso spaccano nuove rocce  e producono terremoti», ha spiegato a a Rainews il geologo Mario Tozzi. E come al solito, conclude il geologo, nessuno può fare previsioni. L'unica cosa certa è che gli abitanti «si devono aspettare nuove scosse: nuove repliche nella migliore della ipotesi o nuove scosse forti. L'unica cosa da fare è tenersi lontani da quelle zone».

TRUFFE, IN AZIONE I FINTI TECNICI
NELLE MARCHE 25MILA SFOLLATI
VIDEO - DENTRO GLI APPARTAMENTI INAGIBILI
VIDEO - LA SPACCATURA DELLA MONTAGNA
CONTROLLI ALLE DIGHE
LA PRIMA SCOSSA, MAGNITUDO 6.5
ANCONA, RIUNITO IL COC
SOSPESI GLI EVENTI

ACCOGLIENZA, APERTO IL PALAINDOOR
JESI, CHIUSE LE SCUOLE
SCOSSA DELLE 13.07
LE DICHIARAZIONI DI RENZI
CHIESA INAGIBILE, LA MESSA ALL'APERTO
ANCONETANI IN STRADA:  I PUNTI DI RACCOLTA
TERREMOTO, DANNI ALL'INRCA
FORTE SCOSSA, MAGNITUDO 6.5
JESI, CROLLI A SAN GIUSEPPE
ESTRATTI VIVI DALLE MACERIE

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto, gli esperti: «Nessun morto, è un miracolo. Aspettiamoci altre scosse»

AnconaToday è in caricamento