Politica

Nasce la rete di comitati civici dei quartieri Piano, Stazione e Grazie

Si è svolto ieri un incontro tra i Comitati Civici di Piazza Rosselli, di via Bruno, via Torresi e Seppilli, per condividere le problematiche comuni e coordinare le attività tese ad attirare attenzione sui quartieri in disagio

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Si è svolto ieri un incontro tra i Comitati Civici di Piazza Rosselli, di via G. Bruno, di via Torresi e Seppilli, per condividere le problematiche comuni e coordinare le attività tese ad attirare attenzione sui nostri quartieri in disagio, proponendosi come elementi di stimolo e reagire allo stato attuale.

I Comitati esprimono viva soddisfazione per la rimozione dell'edicola in fondo alle scalette di via Lamaticci, il posizionamento di videosorveglianza in piazza Rosselli, i recenti controlli delle Forze dell'Ordine, sia sui singoli che sulle attività commerciali, ed residenti si sentono in parte rassicurati, ma c'è da notare che gli scippi, anche se diminuiti non sono del tutto scomparsi e che si stanno spostando nei quartieri limitrofi ove ancora non sono esercitati i controlli (es. quartiere Grazie). Ma occorre fare ancora di più!

In stazione il degrado è tangibile, le attività commerciali chiudono e l'autostazione del Verrocchio è una delle tante incompiute. Il Parco della Pace è stato distrutto e non è un luogo sicuro per le famiglie, bambini, anziani. Corso Carlo Alberto è sempre sporco ed i rifiuti di fronte l'ex Standa si accumulano sul marciapiedi quotidianamente conferendo aspetto da città del terzo mondo, così come accade a Vallemiano e agli Archi nelle traverse di via Marconi a due metri dai portici, in assenza dei controllo degli Ispettori Ambientali. In ogni zona mancano i controlli per l'attuazione della delibera anti-bottiglie di vetro e del regolamento sulle attività commerciali, mentre le attività commerciali andrebbero "contingentate" per evitare tanti negozi di un solo genere ed offrire opportunità ad attività tradizionali.

Un altro problema è il traffico non regolamentato, i parcheggi sui marciapiedi, nelle piazzole dei bus in stazione con intralcio ai mezzi pubblici: mancano controlli e presenza dei Vigili Urbani. Mancano le manutenzioni di strade, marciapiedi, le strisce pedonali sono assenti o sbiadite e gli attraversamenti pedonali sono insicuri. Il senso di abbandono non è fantasia ma reale, i cittadini non ci stanno più ed attraverso i Comitato Civici iniziano ad incontrarsi e coordinarsi!

I tre Comitati cittadini hanno deciso di costituirsi in una Rete di Comitati Civici e di nominare tre portavoce, uno per ogni Comitato: Daniele Ballanti per il Comitato delle Grazie, Francesco Mastromatteo per il Comitato del Piano e Gino Sacchi per il Comitato di Piazza Rosselli. Il prossimo passo sarà una conferenza stampa di presentazione alla città e l'inizio delle attività tra le quali la richiesta di un incontro con il Commissario Straordinario del Comune di Ancona, con il Comandante della Polizia Municipale, con il Prefetto ed un Responsabile di Conero Ambiente.

Fondamentale sarà la sensibilizzazione dell'opinione pubblica, delle Istituzioni, delle forze politiche dalle quali ci si è sentiti trascurati, per ottenere attenzione e aumentare condizioni di vivibilità e civiltà ai nostri quartieri.

Daniele Ballanti

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce la rete di comitati civici dei quartieri Piano, Stazione e Grazie

AnconaToday è in caricamento