Sabato, 12 Giugno 2021
Economia

Cna Ancona: continua la battaglia per il registro dell’olio

Il ricorso in appello al Consiglio di Stato per la modifica del registro telematico dell’olio non ha ancora una data fissata; le osservazioni della CNA Alimentare della provincia di Ancona

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Nel mese di luglio 2011 il Consiglio di Stato ha ammesso parte del ricorso presentato da CNA Alimentare e Federolio inerente il registro telematico dell’olio (SIAN: sistema informatico agricolo nazionale). Il provvedimento è stato giudicato dall’associazione, fin dalla sua nascita, confuso e contraddittorio. Per tale ragione la CNA Alimentare ha ritenuto opportuno rivolgersi alla magistratura amministrativa per apportare dei cambiamenti, visto che i tavoli di concertazione non avevano prodotto risultati.

Ad oggi il Consiglio di Stato sez.III non ha ancora fissato l’udienza di discussione nel merito del ricorso pertanto la questione non è conclusa.

Non siamo in grado al momento, visti i tempi della giustizia, di dare un’indicazione sulla data dell’udienza che ci auguriamo possa essere fissata entro il corrente anno.

Il ricorso era stato presentato per le seguenti motivazioni:

per contraddittorietà e disparità di trattamento delle imprese frantoiane e commerciali rispetto ai produttori agricoli in quanto, a fronte di adempimenti amministrativi onerosi e vessatori a carico dei primi, per questi ultimi è previsto il totale esonero determinando un diverso trattamento destinato a riflettersi sulla situazione concorrenziale tra le imprese che operano sullo stesso mercato;

 Il sistema sanzionatorio introdotto è eccessivamente penalizzante per i frantoiani, in relazione alla gravità delle sanzioni previste.

 il SIAN mette a grave rischio il proprio diritto alla riservatezza dei dati aziendali, in quanto impone alle imprese di iscriversi al registro, il quale poi, mette a disposizione del Mipaaf, dell’IRCQF e delle Regioni tutti i dati forniti dalle imprese, sulle quantità acquistate/vendute, sulla loro provenienza, l’anagrafica clienti/fornitori ecc.. Non solo ma gli stessi dati vengono pure trasmessi alle Organizzazioni di categoria. Il sistema di informazione così delineato, in cui i dati aziendali sensibili, sono messi a disposizione non solo delle Pubbliche Autorità preposte ai controlli (ed al riguardo nulla questio) ma anche dei soggetti quali le Regioni e le Organizzazioni professionali agricole e di categoria che non svolgono alcuna funzione di controllo, lede il sacrosanto diritto di tutela della privacy.

 “Cna Alimentare ha inoltre redatto un documento con varie proposte di modifica dell’attuale disciplina sulla base delle considerazioni di cui sopra da presentarsi al Parlamento in occasione del prossimo tavolo sulla semplificazione burocratica per le PMI – ha commentato Francesca Petrini, presidente della CNA Alimentare della Provincia di Ancona - La nostra associazione sta facendo molto per portare e quindi far valere le nostre istanze privilegiando sempre più la strada del dialogo diretto con il governo centrale nell’ambito dei vari tavoli di discussione con le parti sociali”.

 




 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cna Ancona: continua la battaglia per il registro dell’olio

AnconaToday è in caricamento