rotate-mobile
Calcio

Jesina, anche Di Ruscio lascia. Squadra a Simone Strappini per l'ultimo match stagionale

Dopo la sconfitta esterna contro la Sangiustese, arrivano le dimissioni del tecnico dopo due partite dalla sua nomina. Redini della squadra all'allenatore della Juniores e responsabile del settore giovanile

Non accennano a cessare le fibrillazioni in casa Jesina. La società ha infatti comunicato le dimissioni del tecnico Michele Di Ruscio, che aveva preso in mano le redini della squadra dopo il divorzio da Marco Strappini, di cui era stato il secondo da inizio torneo. Appena due le partite di Di Ruscio in qualità di mister della squadra leoncella, terminate con un pareggio interno al “Carotti” contro l’Atletico Gallo e con secca sconfitta 4-1 incassata al Comunale di Montegranaro contro la Sangiustese. Un altro coup de théâtre in una stagione da dimenticare per la formazione biancorossa, la cui frenata nella seconda parte di campionato – nella quale sono arrivate ben sei battute d’arresto, quarta nelle ultime sette gare – ha sortito l’effetto di escludere in modo definitivo la Jesina dalla bagarre per un posto nella griglia dei play-off.

Per i leoncelli, ora arriverà il momento del congedo da una tifoseria che non ha mancato di manifestare il proprio disappunto per la conclusione anticipata della stagione. Il match che farà calare il sipario sul torneo è l’atteso derby con l’Osimana, che al contrario dei padroni di casa è a caccia di punti allo scopo di tenere vive le speranze di aggancio al quinto posto, distante due lunghezze. Sulla panchina della Jesina siederà Simone Strappini, fratello di Marco ed allenatore della Juniores nonché responsabile tecnico del settore giovanile. Dopodiché, cominceranno le grandi manovre in vista della prossima stagione, e sono in molti a scommettere che il vento del cambiamento soffierà forte dalle parti di Jesi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jesina, anche Di Ruscio lascia. Squadra a Simone Strappini per l'ultimo match stagionale

AnconaToday è in caricamento