Porto: tute da corsa e costumi tarocchi, denunciate 2 persone

Un duplice sequestro di capi di abbigliamento con marchi contraffatti è stato realizzato nei giorni scorsi al porto di Ancona: 80 tute da "pilota" e ben 876 che riproducevano noti marchi di moda

Un duplice sequestro di capi di abbigliamento con marchi contraffatti è stato realizzato nei giorni scorsi al porto di Ancona, nell’ambito dei controlli cui vengono sottoposti i viaggiatori sbarcati dai traghetti provenienti dalla Grecia effettuati dai Finanzieri del Comando Provinciale dorico, in collaborazione con funzionari della locale Agenzia delle Dogane.
Dapprima è stato fermato un cittadino bulgaro che con la propria auto si apprestava ad uscire dal porto: durante il controllo, dichiarava genericamente di recarsi nel Nord Italia, ma ad un più approfondito esame dell’interno del mezzo venivano scoperte 80 tute da “pilota” che avevano impressi i marchi contraffatti della  “Ferrari”, “Mercedes” e “Bmw”. Il valore commerciale delle tute si aggira sui 6.000 euro.

Successivamente è stata notata una donna che sbarcava con 3 valigie al seguito dalla Motonave della compagnia Minoan Lines. La passegger,a identificata come cittadina di origine senegalese ma residente a Mondolfo, in provincia di Pesaro, portava al seguito 876 capi, anche questi con marchi contraffatti e, pertanto, sequestrati.
Si trattava di costumi da bagno con famose griffes di case di Alta Moda, fra cui: “Fendi”, “Louis Vuitton”, “Gucci”, “Burberry” e “Chanel”. Gli accessori di moda, sarebbero stati venduti sul mercato locale ed avrebbero fruttato oltre 26.000 euro.

Il cittadino bulgaro e la senegalese sono stati segnalati all’autorità giudiziaria e dovranno rispondere di introduzione di materiale contraffatto nel territorio dello Stato.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento