Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

La 'Ndrangheta è stabile nelle Marche, la Procura: «L'attenzione è massima»

A tal proposito la direzione distrettuale antimafia e la polizia giudiziaria sono sempre molto attente al fenomeno e cercano di avere sempre indagini attive su tale spaccato di criminalità

Il Procuratore Capo e coordinatore della DDA di Ancona Elisabetta Melotti

«Le inchieste sulla 'Ndrangheta sono sempre una priorità per l'ufficio che mantiene sempre una massima allerta». Lo ha sottolineato il procuratore distrettuale antimafia di Ancona Elisabetta Melotti (che forma il pull insieme ai pm Mariangela Farneti e Paolo Gubinelli) dopo le dichiarazioni del procuratore nazionale Franco Roberti che, nella sua relazione sulla situazione della criminalità organizzata nel Paese tra il 2014 e il 2015, ha ravvisato una presenza sempre più massiccia della 'ndrangheta praticamente in tutte le regioni del centro-nord: presente storicamente in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, ha detto Roberti, la 'Ndrangheta è ora qualitativamente e quantitativamente più incisiva anche in Liguria, Umbria, Veneto e Marche. A tal proposito la direzione distrettuale antimafia e la polizia giudiziaria sono molto attente al fenomeno e cercano di avere sempre indagini attive, sia di tipo conoscitivo sia di tipo investigativo su tale spaccato di criminalità. 

Dunque le Marche non sono più un'isola felice, come del resto aveva già detto il Procuratore Generale della Corte d'Appello Vincenzo Macrì in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario. Parole importanti quelle del numero uno della Procura Generale delle Marche, che fanno riferimento a quella che è la quotidianità, fatta di una continua attività della Distrettuale Antimafia e di indagini. Come quella dei Carabinieri di Ancona che hanno sgominato una banda dedita allo spaccio di droga nata sulle ceneri del clan Schiavi. Come nell'indagine denomnata "Aspromonte" dove fu scoperto un gruppo di calabresi vicini al clan Franconieri operante in Calabria e dediti all'usura nelle Marche. Senza dimenticare il riciclaggio di denaro sporco con la compravendita di immobili. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La 'Ndrangheta è stabile nelle Marche, la Procura: «L'attenzione è massima»

AnconaToday è in caricamento