Frane, allagamenti e azienda ko: «Ogni temporale spaventa la frazione»

Il caso della frazione martoriata dagli allagamenti è approdato in consiglio comunale

Una strada chiusa dalla frana a Paterno (foto di repertorio)

ANCONA - La frazione di Paterno martoriata dalle frane e dai danneggiamenti del manto stradale in caso di abbondanti piogge. A sollevare il problema in consiglio comunale è stato il consigliere Antonella Andreoli (Lega), che in aula ha denunciato anche la situazione dei canali di scolo: «ostruiti da terra e da residui di precedenti lavori stradali». Tra le segnalazioni dei residenti c’è stata quella di un’azienda agricola che il 2 ottobre scorso ha subito uno dei tanti allagamenti: «La corte si è allagata, acqua e detriti sono defluiti nella zona agricola sottostante provocando danni alle colture e agli alberi da frutta- ha detto la Andreoli in aula- la situazione può mettere a rischio anche la casa perché a seguito degli ultimi acquazzoni si sono verificate infiltrazioni alle mura di sostegno della strada comunale con vistose fessure». A marzo del 2018 la frazione fu completamente isolata da una frana in seguito a pioggia e neve. Segnalato anche il dissesto del manto stradale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli interventi in programma

«La chiusura delle buche è stata fatta giovedì scorso- ha risposto l’assessore alle manutenzioni e alla sicurezza, Stefano Foresi- per quanto riguarda gli allagamenti abbiamo fatto un sopraluogo nell’azienda agricola, ma nelle zone rurali c’è il problema che i vari contadini non fanno più il fosso di scolo nei loro terreni. Stiamo facendo un censimento dei canali di scolo, attraversamenti stradali, banchine e scarpate- ha proseguito Foresi- speriamo di farlo il prima possibile perché il personale numericamente è quello che è». Per l’intervento vero e proprio sui casi critici, ha proseguito Foresi, si aspetta l’accordo quadro: «Abbiamo già la ditta e i fondi, l’appalto è già stato assegnato per i prossimi due anni e una volta definito l’accordo quadro potremo già intervenire». 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento