Cronaca

Violenze sulle studentesse, arriva la condanna per il bidello anconetano

Il bidello “toccava” le ragazzine anche all’interno dell’ascensore della scuola. Fondamentali i video dei carabinieri di Brecce Bianche

foto di repertorio

E' definitiva la condanna a due anni e quattro mesi di reclusione per il bidello di Ancona che nel 2017 venne arrestato dai carabinieri di Brecce Bianche con l’accusa di avere compiuto atti sessuali su alcune studentesse minorenni. 

La vicenda

A denunciare i palpeggiamenti e i “baci proibiti” del bidello furono tre ragazze tutte minorenni. Gli inquirenti ascoltarono le adolescenti ricostruiendo uno scenario molto grave. Tutte le ragazzine, secondo le accuse - che adesso hanno trovato il definitivo sigillo della Cassazione - subirono in momenti diversi pesanti “attenzioni” da parte del bidello all’interno della scuola.

Bidello palpeggia le studentesse in una scuola anconetana - arrestato

Una delle ragazze coinvolte nei terribili fatti raccontò tutto ai genitori che andarono dai militari per denunciare le violenze. Il bidello molestava le ragazze principalmente all’interno dell’ascensore e in uno stanzino della scuola dove - certo di non essere visto, si lasciava andare ad atteggiamenti inequivocabili, toccava le ragazze, lasciandosi andare ad apprezzamenti molto spinti e a carezze proibite. I carabinieri installarono svariate telecamere all'interno dell’istituto scolastico, iniziando a controllare i movimenti ed i comportamenti del bidello. Proprio grazie alle nuove immagini ed alle microspie installate, riuscirono a raccogliere gravi elementi a suo carico.

Al bidello, visto il ruolo ricoperto, fu contestata l’aggravante di aver compiuto ripetuti atti sessuali con ragazze – minori dei sedici anni, che gli erano state affidate per ragioni di educazione ed istruzione. L'uomo, dopo aver trascorso un periodo agli arresti domiciliari, fu immediatamente allontanato dall’istituto scolastico. Ieri l’epilogo di questa triste e assurda storia. Condotto a Montacuto, l’ex bidello dovrà trascorrere i prossimi 2 anni e quattro mesi in carcere così come disposto dalla Corte di Cassazione che ha previsto per lui anche l’interdizione perpetua da qualsiasi ufficio scolastico pubblico o privato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenze sulle studentesse, arriva la condanna per il bidello anconetano

AnconaToday è in caricamento