Fotocopiavano abusivamente i libri di testo didattici, scatta il maxi sequestro

I testi sequestrati, per lo più volumi universitari, venivano venduti agli studenti in media al prezzo di 35 euro, pari a circa la metà rispetto a quello di copertina

Sono oltre 1.000 i testi stampati ed in formato elettronico sequestrati presso una copisteria anconetana dagli uomini delle Fiamme Gialle.

Si tratta tecnicamente di “reprografia illecita”, ovvero fotocopiatura abusiva di libri e testi didattici e non solo. Un giro di affari che danneggia gli autori dei libri: solo i testi sequestrati, per lo più volumi universitari, venivano venduti agli studenti in media al prezzo di 35 euro, pari a circa la metà rispetto a quello di copertina, permettendo al titolare della copisteria di conseguire introiti in maniera illecita. La legge dice che non è possibile fotocopiare l'intero volume, ma solo una parte, con un limite fissato al 15 per cento. Il titolare della copisteria nel centro di Ancona, nei pressi della sede dell’Ateneo, è stato denunciato a piede libero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

Torna su
AnconaToday è in caricamento