Atletica Osimo: il Capitano lascia ... o quasi

La decisione era nell'aria da qualche tempo e, alla fine della stagione agonistica 2014, è stata ufficializzata. Il "capitano" della squadra assoluta dell'Atletica Osimo appende le scarpe al chiodo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

La decisione era nell'aria da qualche tempo e, alla fine della stagione agonistica 2014, è stata ufficializzata. Il "capitano" della squadra assoluta dell'Atletica Osimo appende le scarpe al chiodo. Per descrivere questo momento, avremmo potuto ripercorrere una storia di gare, risultati, date; invece ci sono sembrate molto belle le parole che lui stesso ha utilizzato in un saluto rivolto ai suoi compagni; parole che, con la sua approvazione, costituiscono questo articolo.

Parole che ci devono far riflettere sui valori che trasmette lo sport o, almeno in questo caso, lo sport di cui parliamo: l'atletica leggera. "10 anni fa mi presentai in palestra per il mio primo allenamento, non sapevo a cosa sarei andato incontro, pensavo solo di trovare uno sport che mi faceva fare attività fisica come lo pensava ogni dodicenne, ma subito ho capito che avrei trovato grandi compagni di allenamento. Credo di aver fatto allenamento con mezza Osimo, gente che arrivava, gente che se ne andava. Mi è capitato di tutto, mi sono tolto delle mie soddisfazioni, le mie delusioni, fatto ogni tipo di gara, ma dopo 10 anni per svariati motivi è arrivato il momento di farsi da parte. Pensavo di tutto 10 anni fa, ma di trovare un gruppo così come il nostro non me lo aspettavo e se sono arrivato a fare questo sport fino ad ora è solo merito vostro. Tutti i giorni al campo a soffrire insieme, a sputare lattacido, ma tutto ciò solo per passare due ore in vostra compagnia. Poi presa la decisione con Giorgio cercavo di vivere ogni momento come se non dovesse mai arrivare la fine … tanto mancano sei mesi … mancano ancora due mesi, avoglia … manca un mese … ultime due settimane godiamoci ogni istante … ultima trasferta, ultima gara, eppoi quell'abbraccio infinito, sincero, profondo, coi tre staffettisti a fine gara, che mi ha fatto capire quanto bene ci vogliamo. Non ho alcun tipo di rimpianto, so che ho dato sempre il 110 % e chiudere proprio con Acquaviva delle Fonti, una finale assoluta, per me è una gran soddisfazione. Grazie. Grazie a tutti. Per quanto riguarda il nuovo capitano vorrei che ognuno di voi si sentisse un po' "capitano", di darvi una mano a vicenda e di correggere un'andatura sbagliata di un compagno o una postura che non va bene, perché si migliora anche osservando gli errori degli altri. Grazie ancora per queste emozioni vissute insieme, che senza di voi non sarebbero state emozioni."

Al "capitano" Michele Coppari un "in bocca al lupo" per il suo nuovo impegno, in quanto, come spesse succede nello sport, un capitano, un giocatore d'esperienza, mette a frutto il suo bagaglio di conoscenze per insegnarle agli altri, andando a sedersi sulla panchina dell'allenatore (anche se nell'atletica leggera non ci sono panchine).

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento