Altro

Tommaso Marini Campione del Mondo, il Club Scherma Jesi si conferma fucina di fuoriclasse

La società leoncella festeggia l'ennesimo trionfo. «È una soddisfazione immensa per il nostro club – dice il presidente Maurizio Dellabella – che continua a forgiare campioni di valore e di valori nel solco tracciato dal Maestro Ezio Triccoli»

Una vittoria di “Tommy”, una vittoria di un Club Scherma Jesi che resta, fortemente, l’ombelico del Mondo schermistico. E’ ancora la città leoncella a confermarsi la capitale della disciplina, la miniera inesauribile di medaglie nel fioretto maschile e femminile, che sono ben 26 prendendo in esame solo quelle conquistate ai Giochi Olimpici. Adesso c’è Tommaso Marini, alfiere della Polizia di Stato, a mantenere alta la bandiera del sodalizio jesino: il suo oro ai Campionati Mondiali è stato celebrato e festeggiato dal Club nella cui sede c’è un “corner” espositivo divenuto praticamente un museo occupato proprio dalle medaglie olimpiche. Nel quale magari si rifletterà, al netto della scaramanzia, sulla possibilità di fare prossimamente un po’ di posto per il campione dorico.

«Con questo oro Tommaso ha dimostrato forza di volontà, tenacia e spirito di sacrificio veramente esemplari” – ha dichiarato con grande emozione il Presidente del Club Scherma Jesi, Maurizio Dellabella – e nonostante abbia attraversato un periodo molto difficile per un infortunio alla spalla, che lo ha costretto a una pausa forzata e a rinunciare campionati Europei di Plovdid, è riuscito nell’impresa storica di conquistare il titolo mondiale, combattendo contro i dolori senza mai perdersi di coraggio. Ha tirato fuori i denti e, assalto dopo assalto, si è preso con tutta la sua determinazione questa incredibile vittoria. È una soddisfazione immensa per il nostro club – prosegue Dellabella – che continua a forgiare campioni di valore e di valori nel solco tracciato dal Maestro Ezio Triccoli. I miei complimenti e quelli di tutto il Direttivo vanno prima di tutto a Tommaso, com’è giusto che sia, ma voglio ricordare l’importante lavoro fatto con lui in tanti anni dalla maestra Maria Elena Proietti Mosca. Con lei ci tengo a ringraziare tutto il nostro staff tecnico, che ogni giorno s’impegna per favorire la crescita sportiva e umana dei nostri giovani, così come gli sponsor che ci sostengono con passione, in particolare Intesa Sanpaolo con il nuovo brand Isybank che sta investendo su questo sport meraviglioso».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tommaso Marini Campione del Mondo, il Club Scherma Jesi si conferma fucina di fuoriclasse
AnconaToday è in caricamento