menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corona incontra le categorie, viabilità invariata ma c'è un'apertura

Oggi si sono incontrati il commissario Corona e le rappresentanze delle categorie. Due sono le questioni che Corona ha promesso di valutare e far sapere entro breve: una riguarda i parcheggi e l'altra il trasporto pubblico

Stasera chiude la galleria. Confronto residenti, commercianti e artigiani da una parte. Il commissario straordinario dall'altra. I primi hanno espresso le loro istanze. Antonio Corona tiene botta e non cambia la sua viabilità. Via 25 Aprile resta a senso unico a scendere, con corsia preferenziale a salire per i mezzi pubblici. Ma due sono le cose che ha detto di valutare e far sapere entro breve: mettere a disposizione i parcheggi tra via 25 Aprile e via Michelangelo, con delle agevolazioni per i cittadini. Aumentare le fermate degli autobus davanti alla ferramenta della via. Irriducibile Corona che, anche di fronte alla delegazione di Confcommercio e Confartigianato, Cna, a cui si sono aggiunte i titolari di attività e residenti, ha difeso il fatto di dare priorità ai mezzi di soccorso e quindi non intasare via 25 Aprile.

E' vero o no che all'imboccatura di via 25 Aprile ci passa una macchina alla volta? E' vero o no che davanti alla via Michelangelo c'è una strettoia?” è la domanda retorica che Corona ha posto ai commercianti. La risposta è si e prosegue: “Adesso immaginiamo che la si lasci aperta. Quì non passa più nessuno”. I commercianti, che nei giorni scorsi hanno raccolto più di 1200 firme, da parte loro capiscono il suo ragionamento e non lo contestano ma credono che qualche accorgimento si possa fare. Qualcuno chiede di rimuovere le isolette di cemento e aprire la via. Ma a quel punto Corona ribatte: “Si ma se la apro io tolgo i parcheggi. Preferite che io tolgo i parcheggi a lato e apra la via o che la chiuda con i parcheggi?” dice Corona. I commercianti non ci stanno perchè in un caso non ci sarebbe posto e nell'altro ci sono ma non sarebbero fruibili dai clienti. E' un continuo botta e risposta, con anche dei momenti di tensione tra Corona e qualche artigiano della via. “Io ho 8 dipendenti. Se succede qualcosa io faccio presto. Fate voi” tuona Sandro Salvucci della gelateria Più.

Ma si va avanti e soprattutto si riesce ad andare oltre. Questo quando una commerciante propone una soluzione. Sfruttare il doppio parcheggio all'inizio di via Michelangelo in direzione Regione e la striscia di parcheggio tra piazza della Libertà e la caserma dei Vigili del Fuoco. Diverse le variabili venute fuori: c'è chi l'ha chiesti gratuiti, chi con sosta veloce e chi, come Pierpaoli, ha lanciato l'idea di una sosta gratuita per la prima ora e poi 3 euro la seconda. Corona temporeggia e ci pensa. Come penserà anche ad un'altra proposta, fatta da Silvia Bartolini de “La Calzolaia”: far fermare in via 25 Aprile, oltre che il 2/6, il 6 e la Circolare destra, anche il 2, il 4 e il 46. Così da dare più possibilità di spostamento ai clienti.

Il commissario ha dunque aperto ad alcune modifiche che ridanno speranza a via 25 Aprile. Certo non tutti vengono accontentati perchè qualcuno solleva il problema del carico e scarico delle merci. Su questo Corona risponde duro: “Voi chiedete una flessibilità a me, che però non potete chiedere ai vostri fornitori? Ma di che stiamo parlando”. Nessun particolare stravolgimento nemmeno per via Piave e via Isonzo che, come ha detto un esponente di categoria, rimarranno isolate. Nulla da fare nemmeno per modifiche di fasce orario. Qualcuno sbotta: “Vorrà dire che bloccheremo il traffico”, ma è solo una voce fuori dal coro.

Quelli di via 25 Aprile hanno dunque trovato rassicurazione su parcheggi e autobus. Corona ora chiede tempo per deliberare e, come suo solito, promesse non ne fa. Marco Pierpaoli di Confartigianato è soddisfatto: “E' una base di partenza. Vediamo come va la viabilità e auspichiamo che queste cose vengano discusse presto”. Intanto Francesco Cinti della Confcommercio, chiede agevolazioni su Imu e Tares ma Corona lo invita rivolgersi ai politici.

Sempre Cinti poi, per un attimo, guarda al centro e chiede l'apertura del porto da usare come parcheggio. Questione su cui Corona, per ora, non vuol discutere. Ora è innanzi tutto necessario vedere come saranno questi primi 10 giorni di nuova viabilità. Poi la speranza delle Categorie è che ci sia una fumata bianca per la fermate dell'autobus e il parcheggio di via 25 Aprile.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Ancona usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento