Baby gang ad Ancona, Fratelli d'Italia: «Le telecamere non bastano»

Il partito di destra di Ancona chiede che il sindaco Mancinelli porti il tema all’attenzione del prossimo comitato per l’ordine e la sicurezza

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

«Da troppo tempo - denuncia Angelo Eliantonio, Dirigente Nazionale FdI-AN - nessuno riesce ad arginare il fenomeno delle baby gang che continuano a tenere in scacco alcune zone del centro della città. Continui atti vandalici, ripetute risse e minacce ai residenti che hanno provato ad avvicinare questi delinquenti impongono all'amministrazione comunale la necessità di dare un segnale della sua presenza ancora più forte. Le nuove telecamere installate in via Oberdan, peraltro già distrutte qualche giorno fa, non bastano.

Chiediamo al sindaco Mancinelli di impegnarsi a portare questo tema all'attenzione del prossimo Comitato per l'ordine e la sicurezza in Prefettura per concordare con le massime autorità competenti strumenti efficaci di contrasto e di prevenzione. Questo delle baby gang è un fenomeno che va affrontato e stroncato immediatamente anche perché i loro danni sono interamente a spese degli anconetani. Anche per questo auspichiamo punizioni esemplari per i responsabili identificati e il risarcimento degli atti vandalici a carico delle loro famiglie. Non vorrei che la questione venisse sottovalutata e sfuggisse al problema più generale legato al nodo della sicurezza ad Ancona. In questa città ormai sono in troppi coloro che si sentono autorizzati ad avere atteggiamenti e comportamenti fuori dalle regole e non conformi ad una comunità civile».

Torna su
AnconaToday è in caricamento