Il vino Vermouth protagonista di cantine aperte

Vino di Verdicchio per un prodotto antico rivisitato in chiave modernaRicco il programma delle due giornate dedicate alla degustazione dei vini pluripremiati Sabato 26 e Domenica 27 maggio, dalle ore 10 alle ore 18

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Serra De Conti, 21 maggio 2018 - A CasalFarneto è l’ora del Vermouth! L’ultimo nato della cantina del produttore Paolo Togni sarà il protagonista di Cantine Aperte 2018, in programma sabato 26 e domenica 27 maggio. Nel cuore del territorio di produzione del Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico, sulle colline di Serra De’ Conti, CasalFarneto da oltre 20 anni è sinonimo di eccellenza nel mondo del vino, grazie alla sapiente lavorazione delle uve di Verdicchio, da cui nascono i suoi vini pluripremiati. Una nuova declinazione di queste uve è il Vermouth, prodotto legato al momento dell’aperitivo, che la cantina di Paolo Togni reinterpreta in chiave moderna. Nel Vermouth di CasalFarneto la tradizionale qualità del Verdicchio si sposa con spezie e profumi selezionati dalle erbe più pregiate e arricchisce la ricetta unica del Vermouth nelle versioni Bianco e Rosso. “Questo prodotto è il risultato di un lavoro che realizza un sogno della mia infanzia” spiega Paolo Togni, “quando nelle visite con mio padre agli spumantifici più importanti d’Italia che producevano anche vermouth, restavo affascinato dai profumi e dagli aromi delle erbe aromatiche e delle spezie che conferivano nuova vita ai vini base.” “L’amore per il territorio e la voglia di sperimentare” continua Togni, “hanno sempre animato il mio lavoro determinando le mie scelte e il Vermouth nasce da questo spirito. E’ un vino aromatizzato che sta riscoprendo una seconda giovinezza, adatto al momento dell’aperitivo e che, nel suo essere vintage, è decisamente moderno. Si tratta del primo progetto del nuovo corso della cantina - sintesi tra passato e futuro nel connubio tra artigianalità e innovazione - entrata nel 2005 nel gruppo di famiglia, a cui da circa un anno sto dedicandomi in autonomia con entusiasmo e passione“. Si apre quindi un “secondo tempo” per CasalFarneto, un percorso che si fonda su progetti stimolanti e ambiziosi, come il Vermouth che, dopo l’anteprima al Vinitaly, sarà presentato a Cantine Aperte. Sarà un’occasione per vivere due giornate immersi nella splendida natura delle colline marchigiane, in un paesaggio che spazia dal mare alle montagne della catena appenninica, nella “fattoria tecnologica”, scavata nel terreno e realizzata con materiali naturali per ridurre l’impatto ambientale, allietati dalla degustazione di vini pregiati. Ricco il programma dell’evento che include anche pic nic libero nei vigneti, street food in cantina con i piatti proposti da Massimo Biagiali del Ristorante Il Giardino di San Lorenzo in Campo e anche un Contest Fotografico promosso dal Movimento Turismo Vino. Protagonista assoluto sarà il Verdicchio con tutte le etichette di CasalFarneto - alcune delle quali hanno avuto anche quest’anno i massimi riconoscimenti al Vinitaly come Crisio, Grancasale e il passito IKON - e naturalmente il Vermouth, prodotto in cui “Anima e Tempo” trovano la loro sintesi perfetta, grazie al connubio tra le uve di Verdicchio - identità di un territorio - e un’antica tradizione mai dimentica che torna attuale. Il Vermouth di CasalFarneto Profumo di Eleganza Vermouth Bianco NOTE DI CLASSICA FRESCHEZZA Complessità aromatica, gusto morbido, avvolgente e persistente di colore giallo ambrato: le caratteristiche del Vermouth classico si combinano con il Verdicchio CasalFarneto, componendo un vino aromatizzato unito alle note di artemisia, sambuco e timo. Vermouth Rosso LA DOLCEZZA IN UN SORSO Le caratteristiche uniche del nostro Verdicchio si fondono con l’assenzio e gli infusi di erbe aromatiche che gli conferiscono note agrumate, sentori balsamici, speziati e mentolati con un finale piacevolmente amaricante. Il gusto suadente e morbido lo rende adatto agli abbinamenti più particolari: angostura, whisky e miele, ginepro e vodka. Casalfarneto, la terra e il gusto del tempo La Cantina di CasalFarneto sorge nel cuore delle colline marchigiane, nella più antica zona vocata a Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico, a 320 metri sul livello del mare. Tra le vallate e i caratteristici borghi medioevali, CasalFarneto domina un paesaggio ricco di fascino e suggestione, dove il tempo continua a scandire i ritmi della natura. La tenuta fondata nel 1995, rilevata nel 2005 dal Gruppo Togni, oggi vive una nuova e stimolante fase del suo percorso. Dal 2017 la cantina ha deciso di continuare la sua crescita in maniera autonoma, separandosi dal gruppo di famiglia, forte del know how e dell’esperienza di oltre 40 anni dell’imprenditore Paolo Togni. Insieme alla sua famiglia ha saputo dare un’impronta giovane a questa realtà che rappresenta il meglio della qualità vitivinicola marchigiana, nel rispetto e valorizzazione del territorio. Casalfarneto è una “fattoria tecnologia” scavata nella collina per ridurre l’impatto ambientale, realizzata in materiali naturali come legno e pietra ed è dotata dei più moderni e innovativi accorgimenti per garantire la migliore qualità dei suoi vini. Si estende per 60 ettari di terra di cui 35 riservati a vigneto (28 a Verdicchio e 7 a bacca rossa). Tra i vitigni coltivati, il Verdicchio domina senz’altro la produzione, imponendosi per fermezza e qualità; Montepulciano, Sangiovese, Cabernet, Merlot e Petit Verdot rappresentano invece tutta la pregevolezza dei 7 ettari coltivati a bacca rossa. Tra le etichette pluripremiate ci sono Crisio, Grancasale Ikon e Cimaio. Quest’ultimo, ricavato da uve di vendemmia tardiva e ricoperte da muffa nobile, è il testimonial perfetto dell’approccio dell’azienda con il tempo: ogni sorso, ogni momento, vale un’ora, un giorno, un anno, un assaggio di infinito.

Torna su
AnconaToday è in caricamento