Picchiò in pubblico una donna ed estorse denaro ad un imprenditore, condannato finisce in carcere

I Carabinieri della Stazione di Corinaldo hanno arrestato in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Ancona un uomo di 58 anni

Carabinieri di Senigallia

I Carabinieri della Stazione di Corinaldo hanno arrestato in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Ancona un pregiudicato del luogo, 58enne, che dovrà scontare un cumulo pene di 2 anni, 9 mesi e 29 giorni di reclusione perché condannato con sentenze irrevocabili per i reati di lesioni personali, minaccia e ingiuria nonché furto ed estorsione. Il provvedimento di cumulo consegue a due distinte condanne per fatti commessi nell’ambito delle province di Pesaro e Ancona dal 2008 al 2011.

Lo stalking

Il primo episodio risale all’ottobre 2008 e riguarda un caso di stalking (anche se all’epoca il reato non aveva ancona l’attuale configurazione normativa). L’uomo aveva intrapreso una relazione affettiva con una donna sposata che, ad un certo punto, aveva deciso di interrompere il rapporto. Lui non si era rassegnato all’idea ad aveva iniziato a molestarla con continue telefonate di disturbo di giorno e di notte. L’epilogo, una sera di fine ottobre del 2008, quando lo stalker ha raggiunto la sua vittima all’interno di un locale pubblico a Metaurilia di Fano e dopo averla offesa davanti ai presenti, l’ha aggredita prendendola a botte e scagliandole contro un bicchiere di vetro. A quel punto la vittima si è vista costretta a denunciare ai Carabinieri gli atti persecutori subiti, sotto forma di lesioni personali, minacce, ingiurie e molestie.

Furto ed estorsione

La seconda condanna, invece, è relativa ad un arresto per furto ed estorsione. I fatti risalgono al marzo 2011. Il 58enne, agendo in concorso con un altro complice, dopo aver rubato un furgone Fiat Ducato, chiese al proprietario, un piccolo imprenditore di Marzocca, una tangente estorsiva di 1500 euro per riottenere il possesso del mezzo. La vittima, dopo essere stata contattata telefonicamente per il classico “cavallo di ritorno”, si rivolse ai Carabinieri della Stazione di Marzocca, dove presentò denuncia. I Carabinieri organizzarono un servizio di appostamento a Fano nella località indicata per lo scambio, procedendo all’arresto del 58enne corinaldese e del suo complice nella flagranza di reato.

Oggi, a distanza di qualche anno dai fatti, la giustizia ha presentato il suo conto. Dopo le formalità di rito l'uomo è finito nel carcere di Montacuto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento