menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Piano San Lazzaro di notte

Piano San Lazzaro di notte

Rapine e non solo, i due volti del quartiere dai passeggini ai lampeggianti

C’è gente che lavora onestamente e mamme che spingono passeggini in tranquillità, ma quando cala il sole le cose cambiano e i bivacchi sono il problema minore

La rapina al 55enne anconetano con il coltello puntato alla gola è solo l’ultimo caso di cronaca. Al Piano diversi residenti hanno confessato di non vivere tranquilli, specialmente quando tramonta il sole. Le pattuglie di polizia e carabinieri circolano tra piazza Ugo Bassi, Corso Carlo Alberto e via Giordano Bruno e non di rado si vedono auto delle forze dell’ordine in presidio al capolinea dei bus. Per strada e in alcune attività commerciali di Corso Carlo Alberto in molti hanno ripetuto che: «Il Piano non è più un quartiere felice e sicuro come qualche anno fa». Il caso di lunedì sera si aggiunge alla tentata rapina dello scorso 5 settembre per mano di un 59enne marocchino che ha tentato di strappare la borsa a una 51enne in piazza Ugo Bassi. La donna è rimasta lievemente ferita durante l’aggressione avvenuta al capolinea degli autobus sotto gli occhi di diverse persone, gli agenti della squadra Volante hanno rintracciato e arrestato il malvivente in poco tempo. Ad agosto un 21enne anconetano con problemi di tossicodipendenza era finito in manette dopo aver minacciato due minorenni per farsi consegnare i cellulari. 

Il Piano è cambiato e ha paura, lo dicono i residenti al nostro microfono - VIDEO

La quotidianità non è questa, vero. Al Piano c’è gente che lavora onestamente e mamme di ogni nazionalità che spingono i passeggini in tranquillità. La quotidianità è però anche fatta di giacigli improvvisati sulle panchine di piazza Ugo Bassi e Corso Carlo Alberto, di giovani che non lesinano pesanti apprezzamenti sulle ragazze che camminano da sole o di vagabondi che bivaccano con le bottiglie in mano nei pressi di un bar di via Scrima o vicino al distributore di bevande accanto alla chiesa dei Salesiani. Ma c’è anche la prostituzione che prende corpo quando si fa tardo pomeriggio: giovani ragazze straniere pronte ad adescare uomini più maturi, come nel caso dello scorso 1 ottobre quando una residente che gettava l’immondizia si è imbattuta in una notte di fuoco tra un 70enne e una prostituta, consumata proprio nelle scale del condominio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rione Pinocchio, perché si chiama così? (La statua non c’entra)

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento