Sanità Marche, Ceriscioli: «Non ha più senso andare fuori regione per cercare la cardiochirurgia»

E' intervenuto anche il Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli in occasione della presentazione dei numeri della Cardiochirurgia dell'ospedale Torrette

Luca Ceriscioli

E' intervenuto anche il Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli in occasione della presentazione dei numeri della Cardiochirurgia dell'ospedale Torrette di Ancona dicendo:

«Oggi non ha più senso andare fuori regione perché oggi la Cardiochirurgia di Torrette diventa simbolo con un numero impressionante in termini di crescita e attività, simbolo di  una aumentata produzione sia qualitativa che quantitativa. E allora che senso ha andare dove fanno 400 interventi in un anno e magari anche di livello medio quando nella propria regione ne fanno il triplo e di alta complessità?». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ha poi proseguito spiegando: «Si è investito parecchio in termini di risorse umane, di assunzioni, risorse di investimento,  tecnologie e apparati, e si ottiene in cambio una forte crescita in termini di risposte perché il cittadino vuole avere l’opportunità di godere dei servizi sanitari. Una grande conferma che ci pone ai primi posti a livello nazionale non solo nel rapporto Lea spesa come tutti gli anni come regione benchmark, ma anche in fatti specifici importanti come questo di cardiochirurgio. Per questo la politica di pochi centri che siano di eccellenza e qualità e la scelta vincente: un unico centro di qualità contro i centri sparsi: così si ottengono risultati che la rendono attrattiva ed è così che si combatte la mobilità passiva non moltiplicando le strutture che non hanno nessun tipo di attrattività e scarsa qualità. Esiste una rete tra soggetti di qualità  con un centro che è punto di riferimento. Ma  non ci fermiamo qui, continuiamo ad investire perché vogliamo continuare a crescere. 202 milioni in più per investimenti li useremo come leva per generare altre risorse che si possono fare solo se abbiamo queste eccellenze». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento