rotate-mobile
Cronaca Senigallia

Lo manda ko per una sigaretta negata, condannato aggressore del vocalist

Ha preso un anno e due mesi un 24enne che sferrò un pugno ad un 32enne mentre si trovava in discoteca. Il ferito ha riportato una lesione permanente ad un occhio

SENIGALLIA - Prima gli chiede una sigaretta poi gli sferra un pugno che lo manda a terra facendogli  perdere i sensi. Per la brutale aggressione, avvenuta in discoteca, al Mamamia, un 24enne anconetano è stato condannato ieri ad un anno e due mesi per lesioni aggravate dai futili motivi. Vittima del destro un senigalliese di 32 anni che quella sera faceva il vocalist. L’episodio risale al 16 giugno del 2019. Il vocalist era con un amico e durante una pausa, nei giardini della discoteca, si è avvicinato l’anconetano che ha chiesto loro se avevano una sigaretta. I due hanno risposto di no e il giovane li ha mandati a quel paese. Il vocalist ha chiesto al 24enne che problemi avesse e lui gli ha sferrato un pugno dritto in faccia che gli ha fatto perdere i sensi. L’aggressore si era subito allontanato. Per quel pugno il senigalliese ha riportato una lesione permanente all’occhio e 30 giorni di prognosi. Dopo il fatto aveva sporto denuncia ai carabinieri riconoscendo il giovane che lo aveva picchiato da alcune foto segnaletiche.

Anche il suo amico, presente all’aggressione, ha riconosciuto la stessa persona. Le telecamere della discoteca hanno ripreso la scena e anche qualche video del pubblico presente quella sera in discoteca ha ripreso l’aggressione. È stato sufficiente questo per far finire a processo l’anconetano. Il ferito si è costituito parte civile con l’avvocato Loredana Camilli e chiedeva un risarcimento danni di 50mila euro per la lesione permanente avuto all’occhio. La giudice Francesca Grassi ieri ha condannato l’imputato, difeso dall’avvocato Alessandro Marrino, al pagamento di una provvisionale di 10mila euro. La difesa ha sostenuto che dai filmati visionati non era possibile il riconoscimento del suo assistito e ne ha chiesto l’assoluzione. In aula, prima della condanna, è stato sentito l’amico del vocalist che quella sera ha assistito all’aggressione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo manda ko per una sigaretta negata, condannato aggressore del vocalist

AnconaToday è in caricamento