menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra Alessandro Vitaletti e Sebastiano Dimasi

Da sinistra Alessandro Vitaletti e Sebastiano Dimasi

Omicidio di Sassoferrato, due le coltellate letali: l'insegnante si è difeso fino allo stremo

C'è da chiedersi se sia plausibile che una persona che si stava difendendo da una provocazione possa reagire sì, ma colpendo un uomo con 24 coltellate, di cui due al cuore

Sono state 24 le coltellate ma solo 2 hanno provocato una gravissima emorragia ai grossi vasi sanguigni del cuore, uccidendo in pochi attimi Alessandro Vitaletti, l’insegnante di Sassoferrato colpito a morte dalla mano di Sebastiano Dimasi, geloso della relazione sentimentale che, di recente, legava sua moglie alla vittima. A confermare i dettagli del decesso è il risultato dell’esame disposto dal pm Serena Bizzarri, ed effettuato nel pomeriggio dal direttore del reparto di medicina legale degli ospedali Riuniti di Ancona il dottor Adriano Tagliabracci. Secondo l’autopsia dunque, a Vitaletti sono state fatali due ferite all’altezza del torace, quasi certamente inferte da un coltello lungo, capace di arrivare in profondità dopo aver trapassato non solo i vestiti, ma anche la cassa toracica. Gli esami del medico legale hanno anche confermato che l’insegnante di lettere ha cercato di difendersi fino allo stremo delle forze. Infatti tutte le altre ferite si trovano all’addome, ma soprattutto sulle mani e sulle ginocchia, a riprova di come Vitaletti abbia tentato di parare i colpi che arrivavano da destra verso sinistra.

La difesa dell’indagato per omicidio volontario, che domani si troverà di fronte al Gip di Perugia per la convalida del fermo. Secondo quanto detto dal muratore calabrese a colloquio col pm, sarebbe stato Vitaletti a provocarlo e ad aggredirlo. Se fosse, sarebbe sicuramente un attenuante per l'omicida, forse anche nella posizione di invocare la legittima difesa. C’è però da chiedersi se sia plausibile che una persona che si stava difendendo da una provocazione possa reagire sì, ma colpendo un uomo con 24 coltellate, di cui due al cuore. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento