Il Comune di Jesi diventa proprietario del museo multimediale Federico II Stupor Mundi

La società proprietaria ha infatti manifestato la volontà di cederlo, esattamente due anni dopo la sua inaugurazione

Il museo Stupor Mundi

Il museo multimediale Federico II Stupor Mundi sarà preso in carico dal Comune di Jesi. La società proprietaria ha infatti manifestato la volontà di cederlo, esattamente due anni dopo la sua inaugurazione, proponendo al Comune la donazione libera da qualsiasi impegno debitorio. Il valore del Museo è stato stimato in circa 2,2 milioni.

La Giunta - nella sua ultima seduta e a completamento di un percorso sviluppato in questi mesi con l’attuale proprietà - ha così approvato un atto di indirizzo con il quale  chiederà al Consiglio comunale, appositamente convocato per giovedì prossimo, l’accettazione della donazione, a partire dal mese di ottobre. Il Comune subentrerà anche nel contratto di locazione dell’immobile di proprietà della Fondazione Carisj e si attiverà fin da subito per garantire, mediante un affidamento in appalto, l’apertura negli ultimi tre mesi dell’anno. Sarà poi la stessa Giunta a definire le migliori modalità organizzative per un’apertura definitiva e stabile a partire dal 1° gennaio 2020. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La presa in carico del museo Federico II giunge in un momento in cui la figura dell’imperatore svevo diventa sempre più centrale nella politica di incoming della Regione Marche. In tale ottica, all’interno delle iniziative di sviluppo e valorizzazione dell’offerta turistica regionale, è stato assegnato un contributo di 130 mila euro al Comune di Jesi per sostenere proprio uno specifico progetto dedicato  a “Le Marche del Medio Evo e dei borghi nel segno di Federico II” che coinvolgerà altri Comuni del territorio regionale, compresi quelli del cratere del sisma, per programmi culturali e turistici di qualità. Il progetto è stato predisposto grazie alla fondamentale collaborazione della Fondazione Federico II Hohenstaufen ed in particolare della direttrice Franca Tacconi. Con l’accettazione della donazione, da sottoscrivere presso un notaio, il Comune uscirà definitivamente anche dalla Fondazione Federico II Stupor Mundi che era stata costituita proprio per la realizzazione del museo multimediale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ricercato in Italia, faceva la bella vita a Santo Domingo: preso latitante marchigiano

  • Incendio alla baia, le fiamme divorano il ristorante Spiaggia Bonetti

  • La polizia gli chiede i documenti e lui si rifiuta: «Non siete legittimati a farlo»

  • Alba di fuoco a Portonovo, ogni ipotesi aperta. Bonetti: «Una tragedia ma ripartiremo»

  • Piazza del Papa come un ring, volano anche bottiglie di vetro: tre giovani in ospedale

  • I sentieri del Conero, 7 itinerari per veri duri (o quasi): la classifica completa

Torna su
AnconaToday è in caricamento