rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Cronaca

Camorrista si barrica in cella con una lametta: «Vi taglio tutti»

L’episodio è avvenuto nella sezione di alta sicurezza, nel carcere di Montacuto, e ha fatto finire a giudizio un campano di 48 anni per minacce

ANCONA - «Se vi avvicinate vi taglio tutti». Così un camorrista di 48 anni si è barricato in cella, nel carcere di Montacuto, minacciando la polizia penitenziaria intervenuta e gli altri detenuti presenti, con una lametta da barba in mano. Era la vigilia di Natale 2019 e per qui fatti ora è a processo al tribunale di Ancona per minacce a pubblico ufficiale. Il caos era scattato attorno alle 17, stando alle testimonianze di due agenti che ieri sono stati sentiti dalla giudice Tiziana Fancello, perché l’uomo non voleva far rientrare in cella il compagno con cui condivideva gli spazi in carcere. Il camorrista si trovava a Montacuto, nella sezione di alta sicurezza, per scontare una pena per associazione a delinquere di stampo mafioso.  Quando era arrivato il momento i rientrare in cella lui avrebbe impugnato la lametta, barricandosi e non facendo avvicinare nessuno «altrimenti vi taglio la faccia» avrebbe detto.

I poliziotti hanno riferito in aula di essere intervenuti quando lo hanno visto tagliarsi un braccio. Lo hanno bloccato e disarmato dalla lametta. Il detenuto, difeso dall’avvocato Michele Zuccaro, era collegato via video con il carcere di Terni, e ha voluto rilasciare dichiarazioni spontanee. Ha sostenuto che non si è barricato perché non voleva rimanere in quella sezione, in realtà volveva andarsene. La difesa presenterà una perizia perché l’uomo avrebbe problemi di bipolarità. Prossima udienza l’8 maggio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camorrista si barrica in cella con una lametta: «Vi taglio tutti»

AnconaToday è in caricamento