In piazza con il lockdown, flash mob delle "mascherine tricolori" anconetane

E' la prima manifestazione nel lockdown. In tutto una decina di persone, per una iniziativa nazionale messa in atto su una cinquantina di città italiane

mascherine tricolori ad Ancona

Ieri alle 16 il movimento nazionale delle "Mascherine tricolori" è sceso in piazza della Repubblica, davanti al teatro Muse di Ancona, per contestare l'ultimo Dpcm del Governo e protestare contro le decisioni economiche contenute nello stesso. In tutto una decina di persone, per una iniziativa nazionale messa in atto su una cinquantina di città italiane, da nord a sud, tra cui appunto Ancona. Tra i presenti anche i consiglieri comunali Angelo Eliantonio di Fratelli d'Italia e Marco Ausili della Lega. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Questa è una protesta pacifica, ma determinata - si legge in un volantino diffuso proprio dal gruppo - Nel pieno rispetto delle distanze, con la ferma volontà di non mettere a rischio la salute di nessuno. Siamo qui oggi per compiere un atto di libertà, per dimostrare che, nonostante il clima di terrore instaurato, esistono degli italiani che non si arrendono. Per ribadire che questa situazione è figlia degli errori di chi governa, non certo dei cittadini, che fino ad oggi si sono comportati in maniera esemplare. La colpa dell’emergenza sanitaria è di una politica che in questi anni ha chiuso gli ospedali, ha ridotto i posti in terapia intensiva, ha distrutto la produzione nazionale. Se non si fanno abbastanza tamponi, se mancano i ventilatori polmonari, se ai nostri medici in prima linea mancano le mascherine è forse colpa nostra? Chi è che per mesi ha minimizzato? Chi è che si è mosso con colpevole ritardo? Chi è che a gennaio andava in tv a dire “siamo prontissimi”? Siamo forse noi oggi a infrangere la legge? No! Sono piuttosto gli ormai famigerati Dpcm a essere illegittimi, atti amministrativi in nome dei quali è stata sospesa la Costituzione, limitando la libertà di movimento di 60 milioni di italiani. Folle è dare la caccia, con tanto di elicotteri, alle persone che portano il cane in spiaggia. Folle è sguinzagliare i droni nei parchi contro i runner. Folle è istigare il popolo alla delazione, a fare la “spia” al vicino. A questo ci avete portato. Ad una dittatura sanitaria che sembra uscita da un film di fantascienza, ad aspettare la diretta Facebook di un premier che ci riempie di cazzate e ci tratta come bambini. E in tutto questo milioni di italiani ancora non hanno visto un euro. Dove sono le misure a sostegno dell’economia? Qui sul piatto ci sono solo nuovi debiti! Debiti che l’Italia avrà con l’Europa una volta attivato il Mes. Debiti per le imprese, alle quali è stato “gentilmente concesso” di chiedere soldi in prestito alle banche. Niente stop alle tasse, niente soldi a fondo perduto. Solo altri debiti! Chi avrà il coraggio di ripartire in queste condizioni? Quanti commercianti avranno ancora la forza di tirare su la serranda una volta terminata l’emergenza? Chi garantirà i lavoratori, ai quali ancora non è arrivata la cassa integrazione in deroga? Dove sono i soldi per quei milioni di lavoratori autonomi che ancora aspettano il bonus Inps? Dov’è il sostegno alle fasce più deboli della popolazione, ai lavoratori in nero, ai disoccupati? Qualche promessa, tante bugie. Nient’altro. Evidentemente qualcuno ha deciso che l’Italia deve fallire, che l’Italia deve uscire in ginocchio dalla crisi. Qualcuno vuole milioni di disoccupati e milioni di imprenditori falliti, milioni di famiglie alla fame. Non lo consentiremo. Noi combatteremo per difendere il futuro dell’Italia. La parola deve tornare al popolo, non siamo noi gli untori! Nonostante la repressione e i divieti, noi manifesteremo. E’ un nostro diritto, ma soprattutto è un nostro dovere. Ribellarsi oggi significa amare la nostra Nazione. Perché la mascherina non è un bavaglio. Viva la libertà! Viva l’Italia!”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Meteo, l'autunno irrompe sulle Marche: in arrivo temporali e crollano le temperature

  • Sconfitta dal Marina alla prima di campionato, l'Anconitana è già una delusione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento