Sfruttati al ristorante, turni massacranti per meno di 3 euro l’ora

La Guardia di Finanza ha denunciato tre persone per aver approfittato di 99 lavoratori. Dimissioni in bianco e parte dello stipendio veniva restituito 

(foto generica)

Dimissioni in bianco, niente malattia e costretti a turni massacranti per una paga oraria che non arrivava a 3 euro. Sono le condizioni di lavoro di 99 dipendenti nel campo della ristorazione, scoperte dalla Guardia di Finanza di Civitanova al termine di un’operazione che ha portato alla denuncia di tre persone. Il tutto è emerso nel corso di una verifica fiscale ai danni di un ristorante. I finanzieri hanno ricostruito un vero e proprio sistema per sfruttare camerieri, aiuti cuoco e lavapiatti. Pur avendo un contratto a tempo determinato per 20 ore settimanali, i lavoratori erano costretti a turni di 11 ore per 6 giorni alla settimana con una paga che si aggirava sui 750 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I lavoratori, tutti stranieri, in alcuni casi erano costretti a restituire in contanti eventuali eccedenze, non avevano ferie (anche se congedi e quote tfr venivano conteggiate in busta paga) e subivano una decurtazione in caso di malattia. In molti casi, all’assunzione, veniva fatto loro firmare un foglio di dimissioni in bianco. Ai tre denunciati, il titolare del ristorante e altre due persone ritenute comunque responsabili dell’amministrazione, è stata contestata l’evasione fiscale di 500mila euro di imposte dirette, oltre a un imponibile previdenziale non dichiarato di 480mila euro. Grazie a questi espedienti riuscivano ad abbattere i costi del lavoro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento