Furti e rapine in provincia, il procuratore capo Melotti: «Numeri in calo»

"C’è un impegno della procura e delle forze dell’ordine nel monitorare il territorio e di portare avanti le relative indagini. Ma contemporaneamente è doveroso dire che i dati non registrano alcun aumento"

Furti e rapine nella provincia di Ancona. Interviene anche il procuratore capo di Ancona Elisabetta Melotti che, di fronte ai recenti casi, getta acqua sul fuoco e spiega: «C’è un impegno della procura e delle forze dell’ordine nel monitorare il territorio e di portare avanti le relative indagini. Ma contemporaneamente è doveroso dire che i dati non registrano alcun aumento dei reati rispetto agli anni precedenti. Soprattutto per quanto riguarda furti in abitazione e rapine». Insomma il numero uno dei magistrati anconetani precisa come l’idea che siano aumentati furti e rapine (quasi tutte improprie) nella provincia dorica, sia solo frutto di una percezione distorta. Il motivo? Si tratta di reati che vedono quasi sempre raid concentrati nello spazio e nel tempo, dando ai cittadini l’impressione che ci sia un’escalation, in realtà inesistente. 

A dare sostanza alle parole del procuratore capo Melotti sono i recentissimi dati pubblicati dalla Prefettura ed elaborati dalla Legione Carabinieri delle Marche, che ha registrato ogni denuncia effettuata alle forze dell’ordine di tutta la provincia:

FURTI. Questi sono passati da 7.955 nel 2012 a 7.352 nel 2013, fino a 6.933 nel 2014. In particolare sono diminuiti i furti in abitazione, passati da 1.723 nel 2012 a 1.593 nel 2013 e poi 1.492 nel 2014. In calo anche i furti agli esercizi commerciali, passati da 599 nel 2012 a 553 nel 2013 fino a 560 nel 2014. Stesso discorso per i furti alle auto in sosta, passati da 981 nel 2012 a 945 nel 2013, fino a 920 nel 2014. Discorso a parte per i furti con destrezza che vedono una curva: dal 2012 al 2013 sono passati da 741 a 709, per poi aumentare  nel 2014  con 764 casi. 

RAPINE. Questi sono passati da 123 nel 2012 a 116 nel 2013, fino a 85 nel 2014. Tuttavia le rapine in abitazione sembrano avere un trend stabile: registrati 11 casi  nel 2012, 8 nel 2013 e poi di nuovo 11 nel 2014. In calo le rapine agli esercizi commerciali, passate da 30 nel 2012 a 22 nel 2013 fino a 14 nel 2014. Stesso discorso per le rapine nelle pubbliche vie, passate da 54 nel 2012 a 52 nel 2013 e 37 nel 2014.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento