Rigagnolo fluo come la kryptonite di Superman: allarme chimico, ditta sequestrata

Gli specialisti del nucleo Nbcr dei vigili del fuoco hanno bonificato l'area, scattano i sigilli della polizia locale

La fuoriuscita della sostanza corrosiva

Verde fluo come la kryptonite. Nulla a che vedere con la leggendaria sostanza capace di uccidere Superman, ma comunque pericolosa. In attesa dei risultati delle analisi di laboratorio, con ragionevole certezza si può dire che era acido cloridrico il liquido corrosivo fuoriuscito da una ex ditta di via Bevilacqua, ad Agugliano, che eseguiva lavori di placcatura galvanica.

L’allarme è stato lanciato ieri mattina dal titolare di un’azienda della zona quando ha notato che il rigagnolo verdastro, proveniente dall’ingresso principale del capannone, arrivava quasi in strada. Subito sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con gli specialisti del Nucleo Nbcr (nucleare, batteriologico, chimico e radioattivo), insieme agli agenti della polizia locale dell’Unione Terra dei Castelli di Agugliano e Polverigi e al personale dell’Arpam che ha effettuato delle campionature. Protetti da maschere antigas e particolari tute scafandrate, dotate di auto protettori che consentono la respirazione anche in ambienti contaminati, gli Nbcr sono entrati all’interno della ditta in questione, fallita e inattiva da tempo, per risalire all’origine della perdita: il liquido pericoloso, probabilmente acido cloridrico utilizzato per la lucidatura dei metalli, era fuoriuscito abbondantemente da una tanica da circa 30 litri che forse si era deteriorata a causa delle elevate temperature di questi giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I vigili del fuoco hanno provveduto a bonificare l’area con materiale assorbente e a sigillare i locali, posti sotto sequestro per questioni di pubblica sicurezza dai vigili, che poi hanno notificato il provvedimento alla banca proprietaria del fabbricato. Il pericolo è rientrato, ma presto verrà effettuata una nuova bonifica all’interno dell’ex azienda dove sono presenti altri prodotti chimici altamente infiammabili e inquinanti, lasciati in stato di abbandono. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un colpo mortale a Fiorella e 4 fendenti al marito: il killer aveva già provato ad entrare

  • Parcheggia lo scooter e si lancia sotto il treno: tragedia sui binari

  • Choc in spiaggia, prende a pugni una donna e scappa: nella fuga perde i documenti

  • Crisi respiratoria, portata all'ospedale in elicottero: ragazza in gravissime condizioni

  • Entra in casa di una coppia di anziani, prima ammazza lei e poi si scaglia contro il marito

  • Porta a spasso il cane e si accascia, inutile la rianimazione: muore in strada

Torna su
AnconaToday è in caricamento