Osimo: carte clonate e truffe online, la polizia incastra truffatore seriale

Per sviare le indagini ed incassare la somma in maniera legittima l'uomo partecipava a sessioni di poker on-line solo apparentemente regolari con le quali cercava di "riciclare" il danaro sottratto dalle carte clonate

Gli agenti della Squadra Anticrimine del Commissariato di Osimo, diretti dal Vicequestore dr.ssa Mariella Pangrazi, hanno denunciato A.G. L.M.R.  40enne residente a Reggio Emilia, ritenuto responsabile di indebito utilizzo di carte di credito e riciclaggio di decine di migliaia di euro, ai danni di numerosi possessori di carte di credito.

La complessa indagine è partita da una denuncia presentata al Commissariato di Polizia di Osimo da un giovane residente nella frazione Casenuove di Osimo, cui erano state rubate 500 euro dalla sua carta postepay. Gli agenti sono riusciti, dopo meticolose indagini via web, a ricostruire ogni traccia dei movimenti di denaro:  dalla sottrazione dei dati personali con il sistema phishing, fino all’incasso dei soldi.

La ricerca, iniziata per risolvere il solo caso dell’osimano, ha permesso invece d’introdursi in un ampio sistema criminale già consolidato sul web, individuando centinaia di simili prelievi illeciti, ammassati e nascosti su conti gioco on-line ed intestati a titolari fittizi, che venivano poi utilizzati sulla rete in siti di gioco e scommesse.

Nel tentativo di sviare le indagini ed incassare la somma in maniera legittima, il criminale informatico  partecipava a sessioni di poker on-line apparentemente regolari ma gli agenti hanno individuato vincite risultavate programmate e colluse in accordo con finti perdenti. L’uomo riusciva così ad appropriarsi di tutto il danaro depositato sui conti gioco, dove erano state  versate le somme sottratte fraudolentemente dalle carte clonate.

Sono in corso ulteriori indagini per individuare eventuali complici e recuperare il danaro sottratto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta al cimitero, neonato mummificato trovato sopra una bara

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Ucciso da un'auto davanti all'ospedale, Giuseppe era andato a trovare la moglie

  • Malore durante una partita di tennis, rianimato sul posto: è gravissimo

  • Tragedia al cantiere, muore un operaio

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

Torna su
AnconaToday è in caricamento