Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Società "ad arte" per fornire manodopera ai cantieri di Ancona, ma il fisco non sapeva nulla: imprenditori indagati, sequestri per 400mila euro

Eseguita dalla Guardia di Finanza di Bologna un’ordinanza di misure cautelari personali di “divieto temporaneo di esercitare l’attività professionale”, nei confronti di due imprenditori nonché il sequestro preventivo per un valore di oltre 400 mila euro

ANCONA - Si avvalevano di società costituite "ad hoc" per fornire manodopera anche a cantieri navali di Ancona e Taranto. Nel frattempo, dirottavano i ricavi su correnti a Praga eludendo qualunque forma di riscossione accumulata a causa dei debiti con il fisco. L'indagine della Guardia di Finanza di Bologna ha portato al "divieto temporaneo di esercitare l’attività professionale di responsabile legale o amministratore di qualsiasi ufficio direttivo” a carico di due imprenditori, oltre al sequestro preventivo per un valore di oltre 400 mila euro. 

L'inchiesta coinvolge complessivamente 20 società legate a persone gravate da precedenti giudiziari. Secondo le rcostruzioni, queste ultime hanno amministrato le aziende percependo, indebitamente  risorse pubbliche stanziatecon l'emergenza Covid senza però dichiarare il reddito al fisco. Sequestrati i proventi dell' indebita percezione e dell'omesso versamento di IVA. Tramite una società, in particolare, gli indagati avrebbero percepito, nel 2021, contributi COVID pari a circa 50 mila euro ma utilizzati per fini personali. 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Società "ad arte" per fornire manodopera ai cantieri di Ancona, ma il fisco non sapeva nulla: imprenditori indagati, sequestri per 400mila euro
AnconaToday è in caricamento