rotate-mobile
Cronaca Jesi

Auto si schianta sulle lapidi dei caduti, il conducente: «Domani vado dai vigili», poi scappa

Ennesima bravata che sfocia in un atto vandalico. Nel quartiere attorno alla chiesa Santa Maria Assunta di Tabano a Jesi i residenti indignati denunciano le continue incursioni di giovani i scalmanati

JESI - Lo stridio delle ruote sull’asfalto e il fragore di detriti in frantumi. Ieri pomeriggio (8 gennaio) attorno alle 17,30 i residenti della frazione di Tabano sono scesi nel piazzale vicino alla chiesa Santa Maria Assunta per vedere che a cosa fosse dovuto quel boato. E si sono trovati davanti un’auto schiantata sulle lapidi del Monumento ai Caduti. A bordo tutti ragazzi. I passeggeri, alla vista dei residenti, se la sono data a gambe. Il conducente, invece, è rimasto vicino all’auto e si è scusato con i presenti aggiungendo che l’indomani (oggi per chi legge, ndr) sarebbe andato dalla polizia locale a denunciare quanto accaduto.

I residenti hanno insistito perchè lo facesse subito, ma il ragazzo ha risposto di non avere con sé un telefono cellulare. Così i residenti sono rientrati nelle loro abitazioni per recuperarne uno, ma al ritorno sul luogo dell’incidente il ragazzo e la sua auto erano scomparsi. Quanto accaduto domenica è solo l’ultimo dei tanti episodi di vandalismo che da tempo vanno in scena nella zona: citofoni dati a fuoco, fioriere distrutte, invasioni nei giardini privati. All’inizio si pensava ad episodi estemporanei di intemperanza giovanile, ma col tempo sembra sia diventata una costante che sta allarmando non poco gli abitanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Auto si schianta sulle lapidi dei caduti, il conducente: «Domani vado dai vigili», poi scappa

AnconaToday è in caricamento