rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Cronaca

L’attore Valerio Mastrandrea testimonial per la fondazione di Lorenzo “Lollo” Farinelli. «Diffonderò chi era»

Sarà al fianco della lotta contro i tumori del sangue per l’associazione nata in memoria del medico anconetano, morto quattro anni fa

ANCONA - Valerio Mastandrea diventa testimonial della Fondazione Lorenzo Farinelli. L’attore e regista romano, fra gli artisti più apprezzati e stimati nel panorama nazionale, ha deciso di affiancare Amalia Dusmet e Giovanni Farinelli, i genitori di Lorenzo, nella nobile battaglia intrapresa contro i tumori del sangue. Proprio l’11 febbraio scorso è stato il quarto anniversario della morte del giovane medico a causa di un Linfoma non-Hodgkin a grandi cellule di tipo B resistente alla chemioterapia. «Non ho fatto in tempo a conoscere Lorenzo – le parole di Valerio Mastandrea -. Sostenere la Fondazione è un modo per farlo e per raccontare il suo mondo e quello che continua a fare». L’attore italiano si è subito messo a disposizione per fornire il proprio prezioso contributo, legando la sua immagine alla lotta contro le patologie onco-ematologiche.

Molto soddisfatta Amalia Dusmet, presidente della Fondazione Farinelli e mamma di Lollo. «Non è stato facile individuare il testimonial più adatto per rappresentare Lorenzo e la Fondazione – dice -. Sapevamo con certezza di doverlo scegliere nel mondo della musica o del teatro, le due grandi passioni di Lorenzo. Un’altra caratteristica doveva essere quella di un artista in grado di riunire in sé le capacità professionali con l’umiltà, la gentilezza e la generosità, doti che caratterizzavano anche Lorenzo. La nostra scelta è quindi ricaduta su Valerio Mastandrea, uno dei nostri attori più amati ed apprezzati da critica e pubblico, ed anche da noi, che svolge il suo mestiere con la consapevolezza dell’importanza dei messaggi che può trasmettere attraverso il proprio lavoro, ma anche attraverso l’esempio come uomo. Lo abbiamo contattato e, anche se non aveva avuto modo di conoscere Lorenzo, ha subito dato la sua disponibilità ad affiancare la Fondazione nell’attività di raccolta fondi per sostenere la ricerca e nel diffondere i nostri valori. Siamo certi che insieme a lui riusciremo a portare avanti il messaggio di vita di Lorenzo così come avrebbe voluto».

Nei prossimi giorni, Valerio Mastandrea incontrerà la Fondazione Lorenzo Farinelli per pianificare insieme eventi e iniziative. Venerdì 24 febbraio, intanto, è in fase di organizzazione un convegno in collaborazione con l’Università Politecnica delle Marche e gli Ospedali Riuniti di Ancona per fare il punto sulle terapie Car-T, quelle su cui Lorenzo aveva riposto tutte le speranze di guarigione (il suo video-messaggio per raccogliere fondi al fine di curarsi negli Stati Uniti aveva raggiunto rapidamente lo scopo). Ora, grazie anche alla Fondazione Farinelli che sta finanziando un assegno di ricerca ad hoc, i pazienti possono usufruirne direttamente all’ospedale di Torrette, senza doversi rivolgere a cliniche di nazioni extra-europee: una decina le persone che se ne stanno già avvalendo.

“Mordete la vita, ogni secondo. Sembra dura, amara. Ma è succosa ed è un sogno”. Questo era il motto di Lorenzo Farinelli, incarnato alla perfezione e veicolato quotidianamente da Valerio Mastandrea, artista che lo stesso Lollo amava tantissimo essendo un grande appassionato di teatro e di cinema. Sono già quattro anni che non c’è più, ma per chi ha avuto la fortuna di conoscerlo non se ne è mai andato. E continuerà a esserci con i suoi insegnamenti e il suo amore per la vita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’attore Valerio Mastrandrea testimonial per la fondazione di Lorenzo “Lollo” Farinelli. «Diffonderò chi era»

AnconaToday è in caricamento