Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Cena tra camionisti rischia di finire in tragedia, un arresto

Tutto è iniziato verso le 20.00, nell’area portuale “Mandracchio”, quando quattro autotrasportatori di origine bulgara, hanno deciso consumare tutti insieme la cena, in attesa dell’imbarco. Uno di loro è stato aggredito ed è stato necessario l'intervento della Polizia

ANCONA - E' fnita con un arresto e un ferito grave la cena improvvisata ieri sera, al porto di Ancona, da alcuni autotrasportatori originari della Bulgaria.

Tutto è iniziato verso le 20.00 di ieri, nell’area portuale “Mandracchio”, quando quattro autotrasportatori di origine bulgara, hanno deciso consumare tutti insieme la cena, in attesa dell’imbarco. Improvvisamente si è avvicinato un altro autista, loro connazionale, che senza apparente motivo ha iniziato ad insultarli per poi allontanarsi in una vicina piazzola di sosta.
Non riuscendo a comprendere il comportamento del loro collega, uno di loro, il più giovane, 35 anni, si è alzato dalla tavola ed ha raggiunto il connazionale chiedendogli spiegazioni. Di tutta risposta l’uomo è stato aggredito con ripetute percosse alla testa: il giovane è riuscito a trascinarsi verso gli amici, tentando di tamponare con le mani la profonda ferita alla testa.

Immediatamente gli altri autotrasportatori hanno contattato il 113 della Questura. Gli agenti hanno raggiunto il porto per raccogliere ogni elemento utile per identificare l’autore dell’aggressione. L’uomo ferito, ancora cosciente, prima di essere affidato alle cure specialistiche del personale del 118, ha raccontato quanto accaduto, riuscendo anche ad indicare ai poliziotti il suo aggressore. 
Intercettato e bloccato in via Einaudi, il cittadino bulgaro, classe 1984, di fronte alle richieste degli agenti si è limitato a ripetere, come una sorta di cantilena, che non aveva intenzione di uccidere nessuno e che era disperato perché in un attimo di ira e senza un vero motivo aveva «aperto la testa» ad un suo connazionale.

Nell’abitacolo del autoarticolato i poliziotti hanno trovato una lunga spranga di ferro di 70 cm con ancora evidenti tracce ematiche. Accompagnato presso gli Uffici della Questura l’uomo, dopo le formalità di rito, veniva tratto in arresto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cena tra camionisti rischia di finire in tragedia, un arresto

AnconaToday è in caricamento