Intervento di 7 ore, poi il sorriso ai genitori: si è risvegliato il ragazzino precipitato

La prognosi resta riservata, ma il dodicenne caduto dal tetto dell'Auchan ha superato la delicata operazione chirurgica alle gambe. La famiglia: «Aspettiamo che gli inquirenti chiariscano i fatti»

La botola da cui è precipitato il dodicenne

Un intervento delicato e lunghissimo, durato quasi 7 ore, ben superato dal piccolo paziente che si è risvegliato e ha potuto sorridere ai genitori. E’ stato operato al femore e alle ginocchia dall’équipe dell’Ortopedia pediatrica del Salesi il ragazzino di 12 anni precipitato lunedì pomeriggio dal tetto dell’Auchan. La prognosi resta riservata, ma non è in pericolo di vita, tant’è che ha potuto parlare con mamma e papà. Certo, le sue condizioni dovranno essere attentamente valutate nei prossimi giorni e i parametri vitali costantemente tenuti sotto controllo, fino a quando i medici non riterranno opportuno sciogliere la prognosi.

Per ora resta ricoverato nella Rianimazione pediatrica del Salesi il ragazzino protagonista del terribile incidente: si trovava sul tetto del centro commerciale della Baraccola insieme a tre amici della cooperativa sociale che assiste le loro famiglie quando, per cause in corso d’accertamento, è salito su una botola dell’antincendio in plexiglass che si è frantumata sotto il suo peso ed è precipitato di sotto, schiantandosi nel corridoio della galleria commerciale dopo un volo di quasi 9 metri.

L’informativa della polizia, che ha condotto le indagini, è sul tavolo della Procura che indagherà per ricostruire la dinamica dell’incidente e individuare eventuali responsabilità a carico dell’assistente sociale che aveva accompagnato i minorenni all’Auchan e del responsabile della sicurezza del complesso commerciale, in merito all’adeguata recinzione dell’area interdetta al pubblico a cui il gruppetto di ragazzini ha avuto accesso. «I genitori del dodicenne ora pensano solo alle condizioni del loro figlio e sperano che si rimetta presto - spiega l’avvocato Michele Carluccio (foto in basso), a cui si è rivolta la famiglia - ma prima di compiere eventuali azioni attende che la magistratura ricostruisca con precisione i fatti». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • Malore alla guida in A14, poi l'incidente: 48enne ricoverato in gravi condizioni

Torna su
AnconaToday è in caricamento