Libri scolastici, grazie a Ebipro e Confprofessioni costeranno la metà

Contro il caro-libri, rimborso fino a 200 euro per gli iscritti all'Ente bilaterale nazionale per gli studi professionali: oltre 6mila potenziali beneficiari nelle Marche

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

A pochi giorni dall'inizio delle scuole, una misura efficace per contrastare il caro-libri arriva dall'Ente bilaterale nazionale per gli studi professionali (Ebipro). Grazie a questa iniziativa, promossa da Confprofessioni Marche insieme alla Confederazione nazionale e alle altre delegazioni regionali, c'è la possibilità di dimezzare la spesa per l'acquisto dei testi scolastici: i dipendenti degli studi professionali iscritti alla bilateralità (medici, dentisti, veterinari, avvocati, notai, commercialisti, consulenti del lavoro, ingegneri e architetti ecc.) possono infatti usufruire di un rimborso pari al 50% dei costi sostenuti, fino a un importo massimo di 200 euro. “Nella nostra regione – ha dichiarato il presidente di Confprofessioni Marche Gianni Giacobelli - gli studi professionali iscritti alla bilateralità sono oltre 2.400, con un totale di oltre 6.000 dipendenti, la platea dei potenziali beneficiari del rimborso Ebipro [ultimi dati, Cassa di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori degli studi Professionali (Cadiprof,), 31 dicembre 2016] ”. Ebipro ha realizzato questo programma anche nel 2017: “Abbiamo lanciato l'iniziativa lo scorso anno, riscuotendo un significativo apprezzamento da parte dei nostri iscritti – dichiara Leonardo Pascazio, presidente dell'ente nato dall’accordo tra Confprofessioni, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil e disciplinato dal Ccnl studi professionali -. Sono state infatti circa 4.000 le domande di rimborso dei libri scolastici che sono state evase e quest'anno vogliamo fare di più. Abbiamo infatti innalzato la soglia del rimborso fino al 50% per venire incontro ai bisogni economici delle famiglie con i figli in età scolare”.

Si stima che quest’anno la spesa media per l’acquisto di testi scolastici sarà di circa 300 euro, con picchi di 600 euro per i ragazzi che frequentano il liceo. Un duro colpo per le famiglie italiane che si vedranno costrette a sborsarne altri 200 per il restante corredo scolastico, per un totale di 500/800 euro per ciascun figlio. In quest'ottica l'intervento dell'Ente consente ai dipendenti degli studi (una popolazione costituita per il 90% da donne di età compresa tra i 24 e i 45 anni) di beneficiare di un rimborso del 50% delle spese sostenute per l’acquisto dei libri scolastici (anche in formato digitale) per i figli che frequentano la scuola primaria e secondaria (di primo e secondo grado). Come beneficiare del rimborso sui libri scolastici Le domande possono essere inviate tra il 1° settembre e il 31 dicembre dell’anno scolastico per il quale si presenta la richiesta di rimborso tramite email all’indirizzo dirittoallostudio@ebipro.it, corredata di modulo di richiesta scaricabile dal sito www.ebipro.it. L'iniziativa è rivolta ai dipendenti degli studi iscritti all'Ente bilaterale e ciascun lavoratore può usufruire del rimborso se in regola con i versamenti alla bilateralità e con un’anzianità contributiva di almeno sei mesi; inoltre il dipendente può effettuare al massimo tre richieste nel corso della sua iscrizione a Ebipro e ogni richiesta può essere cumulativa per più figli. Che cos'è Ebipro E' l’Ente Bilaterale Nazionale delle Professioni, costituito, ai sensi dell’art. 5 del CCNL Studi Professionali, dalle Parti Sociali datoriali del comparto, Confprofessioni, Confedertecnica e Cipa, di concerto con le parti sindacali Filcams- Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil, il 27 gennaio 2009.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento