Venerdì, 19 Luglio 2024
Attualità

Alla casa alloggio "Il Focolare" l'attrice Elena Di Cioccio presenta il libro-testimonianza sull'HIV

Quarantotto anni, ex Iena, apprezzata conduttrice Radio-Tv e attrice (e figlia di uno dei componenti della PFM), Elena Di Cioccio racconta nel libro del lungo, difficile, doloroso percorso con il virus HIV durato ventuno anni

ANCONA - Elena Di Cioccio presenterà oggi pomeriggio, alle 18:30, il libro-testimonianza dal titolo “Cattivo sangue” alla Casa alloggio Il Focolare (frazione Varano 204). La struttura, gestita dalle Opere Caritative Francescane, accoglie da oltre vent’anni persone con HIV/AIDS, carenti di appoggio familiare e sociale. L'iniziativa è promossa dalla rete Fast Track Cities, della quale il Comune di Ancona è partner, e dalle Opere Caritative Francescane.

Quarantotto anni, ex Iena, apprezzata conduttrice Radio-Tv e attrice (e figlia di uno dei componenti della PFM), Elena Di Cioccio racconta nel libro del lungo, difficile, doloroso percorso con il virus HIV durato ventuno anni: dalla scioccante comunicazione della diagnosi fino alla libertà di oggi, persona non più infettiva, passando attraverso la solitudine, il dolore, di pregiudizi subiti, di stigma e senso di colpa, di paura di poter nuocere agli altri. “Lo stigma legato all'HIV continua a persistere e a colpire le persone che vivono con l'infezione. Le discriminazioni sono purtroppo ancora presenti nel mondo del lavoro, della scuola, dello sport, nei luoghi del divertimento e svago ma anche nei servizi sociali e sanitari”ricorda Luca Saracini Direttore delle Opere Caritative Francescane. “Decisioni come quelle di Elena sono di fondamentale importanza per combattere tutte le forme di pregiugizio nei confronti delle persone in HIV/AIDS ”

La città di Ancona, da quasi 4 anni capofila della Rete Città Sane OMS, è moltoattenta a questi temi: dal 2021 è partner della rete Fast track cities, una partnership globale tra città e municipalità di tutto il mondo che offre la possibilità di condividere azioni locali per porre fine all’Aids entro il 2030 con la formula 95-95-95 ovvero avere il 95% delle persone con HIV consapevoli del proprio stato, il 95% delle persone con l’HIV in cura con terapie antiretrovirali (ART) e 95% delle persone in terapia ART con carica virale soppressa. Modererà l’incontro con Elena Di Cioccio Paolo Petrucci, direttore della rivista “Opere”. A seguire un aperitivo offerto dalle Opere Caritative Francescane

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alla casa alloggio "Il Focolare" l'attrice Elena Di Cioccio presenta il libro-testimonianza sull'HIV
AnconaToday è in caricamento