Camerano aderisce all’iniziativa di Amnesty International per la scarcerazione di Zaki

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Camerano aderisce all’iniziativa lanciata da Amnesty International a sostegno della scarcerazione di Patrick George Zaki. Da sabato 6 Febbraio e nei prossimi giorni sarà visibile sul Teatro “Maratti” in Piazza Roma, uno striscione con l’immagine di Zaki e la scritta “Libertà per Patrick Zaki, arrestato in Egitto perchè attivista”. Lunedì 8 Febbraio ricorre, infatti, il primo anniversario dell’arresto in Egitto di Patrick George Zaki, 28 anni, attivista egiziano e studente dell’Università di Bologna. Patrick è un prigioniero di coscienza, in stato di indefinita carcerazione preventiva in Egitto in condizioni estreme, detenuto esclusivamente per il suo lavoro in favore dei diritti umani e per le opinioni politiche espresse sui social media. “Noi riteniamo – scrive Amnesty International - che Patrick Zaki sia un prigioniero di coscienza detenuto esclusivamente per il suo lavoro in favore dei diritti umani e per le opinioni politiche espresse sui social media. Dedichiamo questa iniziativa a tutte le persone prigioniere di coscienza rapite, torturate, sparite, recluse ingiustamente e a tutti i giovani che girano il mondo per studiare, ricercare, condividere, costruire una società migliore”. Amnesty International è un’organizzazione non governativa internazionale impegnata nella difesa dei diritti umani. Lo scopo di Amnesty International è quello di promuovere, in maniera indipendente e imparziale, il rispetto dei diritti umani sanciti nella dichiarazione universale dei diritti umani e quello di prevenirne specifiche violazioni. Tra i Comuni della Provincia partecipi dell'iniziativa, oltre a Camerano ci sono Ancona, Maiolati Spontini, Senigallia, Osimo, Jesi, Castelbellino e Castelfidardo.

Torna su
AnconaToday è in caricamento