Quando la casa diventa un cantiere, l’impresa di Giovanni: la barca calata dal terrazzo

L'impresa è rimasta nella storia del quartiere e non solo

Foto di repertorio

ANCONA - 6 novembre del 1960, c’è il varo di una barca a vela. Il cantiere navale è d’eccezione: il quinto piano di un condominio di via Urbino. Maestro d’ascia, l’inquilino Giovanni Baldoni che proprio in casa costruì lo scafo lungo ben 6 metri.

Non un modellino, ma una barca vera e propria con tanto di varo. Come ha fatto a raggiungere il mare? Nel modo più semplice da immaginare ma forse non da mettere in pratica: lo scafo è stato fatto calare dal terrazzo. Ad aiutare Baldoni nell’impresa ci fu anche una squadra di Vigili del Fuoco. L’aneddoto è raccontato dal portale "Ancondorica" curato da Alberto Bignami. (Foto di repertorio)
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento