rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Cronaca

Terrore in casa: «Colpita da mio marito con un bastone. Poi ha tentato di soffocarmi con un cuscino»

E' questo il racconto choc di una donna agli agenti della Squadra Mobile di Ancona. Violenze che andavano avanti da ben 3 anni. Per il marito, responsabile di lesioni aggravate, scatta il divieto di avvicinamento

ANCONA - «Dopo avermi strappato i vestiti di dosso mi ha colpita con un bastone. Poi ha tentato di soffocarmi prima stringendomi le mani al collo e poi utilizzando un cuscino». A raccontare questa triste vicenda una donna, finita in ospedale dopo l'escalation di violenza subita da suo marito, un italiano di 46 anni. 

Le indagini sono partite lo scorso luglio quando la donna è dovuta ricorrere alle cure dei sanitari presso l'ospedale regionale di Torrette. Al nosocomio era arrivata con una ferita da arma da taglio, provocata dal marito durante una lite furibonda in casa. La vittima aveva raccontato agli agenti della squadra Mobile di Ancona che, nel tentativo di sfuggire all'aggressione, era stata raggiunta dall'uomo che aveva afferrato un coltello e l'aveva colpita ad una mano. Per lei necessari 40 giorni di prognosi per le lesioni e le ecchimosi alle gambe. 

Gli investigatori nel corso delle settimane hanno ricostruito altri episodi di violenza che andavano avanti da circa 3 anni. La donna ha raccontato che suo marito in passato avrebbe tentato di soffocarla stringendole le mani sul collo e poi utilizzando un cuscino. Inoltre, sempre secondo la sua testimonianza, l'uomo le avrebbe strappato i vestiti di dosso, colpendola in più riprese con un bastone mentre si trovava sul letto in stato di choc. Ora per l'uomo è scattato il divieto di avvicinamento a non meno di 500 metri dalla vittima. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrore in casa: «Colpita da mio marito con un bastone. Poi ha tentato di soffocarmi con un cuscino»

AnconaToday è in caricamento