Cronaca

Truffe su orologi e automobili, fioccano le perquisizioni: dieci gli indagati

L’indagine ha coinvolto dieci marchigiani protagonisti di una serie di truffe. Acquistavano tramite finanziamenti intestati a soggetti ignari e poi rivendevano i beni monetizzando

foto di repertorio

Acquistavano orologi di pregio e automobili attraverso finanziamenti intestati a soggetti ignari per poi rivendere i beni e guadagnare sulla vendita. Così una banda di dieci soggetti, tutti marchigiani, è stata smascherata dagli agenti della polizia al termine di un’attività investigativa iniziata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Macerata.

Dopo aver avuto accesso alle generalità dei malcapitati “finanziatori”, i malviventi procedevano materialmente all’acquisto dei beni. A far scattare l’occhio delle autorità le denunce arrivate proprio dagli ignari titolari del finanziamento che si sono visti arrivare presso le proprie abitazioni o i bollettini di pagamento o si sono ritrovati pagate le rate dei prestiti sul proprio conto corrente. Questa mattina, 3 giugno, sono scattate le perquisizioni nelle abitazioni degli indagati che avrebbero commesso i reati tra Ancona, Cingoli, Civitanova e Roma. Nel corso della perquisizione, inoltre, sono stati sequestrati cellulari e tablet che serviranno ad arricchire il quadro probatorio a carico dei dieci.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffe su orologi e automobili, fioccano le perquisizioni: dieci gli indagati

AnconaToday è in caricamento