Tragedia in vacanza: muore la moglie dell'ex vicesindaco di Montemarciano

In Trentino per una vacanza con la famiglia, è morta Serena Tiribelli. La donna aveva avuto un malore a letto. Soccorsa si è spenta dopo qualche giorno all'ospedale di Trento. Aveva 38 anni

Una tragedia che dal Trentino arriva nelle Marche e lascia sgomenta tutta la cittadinanza di Montemarciano. Si è spenta nella giornata di sabato 20 agosto, all'ospedale di Trento, Serena Tiribelli, moglie dell'avvocato Emanuele Paladini. Aveva 38 anni. La coppia era in vacanza in Trentino con le due figlie di 3 e 7 anni. E' stata proprio la più grande ad accorgersi, la mattina di Ferragosto, e dare l'allarme al padre. La donna si era sentita male durante la notte ed è stata trovata a letto immobile. Un arresto cardiaco. Il marito ha subito chiamato i soccorsi. Serena Tiribelli è stata rianimata e trasportata d'urgenza all'ospedale di Trento.

Le sue condizioni sono apparse fin da subito disperate. Dopo 5 giorni di agonia è spirata. La notizia è rimbalzata subito a Montemarciano. Emanuele Paladini è stato vicesindaco durante la prima legislatura del sindaco Liana Serrani. Il padre è stato sindaco mentre al fratello Dante, anche lui vicesindaco in passato scomparso prematuramente nel 2004, è stata intitolata una Fondazione che si occupa e un Centro per la Diagnosi ed il Trattamento delle Malattie Neuromuscolari. Tragedia che coglie di sorpresa anche gli sportivi di Montemarciano. Emanuele Paladini è stato infatti uno dei fondatori dell'Upr Montemarciano Basket. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ci eravamo sentiti giove scorso prima della partenza per il Trentino - spiega Samuele Simoncioni, ds della squadra - perché stavamo preparando i festeggiamenti per il 30ennale della società. Ora c'è poco da festeggiare. E' una grande tragedia. Siamo vicini al nostro socio fondatore». La salma si trova ancora in Trentino. La famiglia ha acconsentito all'espianto degli organi. Un ultimo atto di grande generosità prima di poter fissare la cerimonia funebre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ricercato in Italia, faceva la bella vita a Santo Domingo: preso latitante marchigiano

  • La polizia gli chiede i documenti e lui si rifiuta: «Non siete legittimati a farlo»

  • Alba di fuoco a Portonovo, ogni ipotesi aperta. Bonetti: «Una tragedia ma ripartiremo»

  • Piazza del Papa come un ring, volano anche bottiglie di vetro: tre giovani in ospedale

  • I sentieri del Conero, 7 itinerari per veri duri (o quasi): la classifica completa

  • Picchia la moglie incinta e le rompe il naso, lei agli agenti: «Non è la prima volta»

Torna su
AnconaToday è in caricamento