Via Tiziano, topi nelle classi: scuola verso la chiusura

Al momento la soluzione adottata, come riporta anche il Corriere Adriatico, è di alcune esche topicide e la scuola resta aperta, anche se ormai ci si avvicina al 30 giugno, data in cui le lezioni termineranno

Scuola dell'infanzia Giulio Verne, dell'istituto comprensivo Cittadella-Margherita Hack

Negli armadietti degli alunni, nei bagni, nelle aule, persino topi morti nelle cucine. Sono un po’ dappertutto i ratti nella scuola dell’infanzia “Giulio Verne”, che fa parte dell’istituto comprensivo “Cittadella-Margherita Hack”. Una notizia, quella riportata dal Corriere Adriatico, che ora potrebbe far chiudere la scuola, che si avvia verso la fine dell’anno scolastico. E di fronte al problema, monta la protesta dei genitori, preoccupati per i loro figli. Chiedono un intervento urgente al Comune, che ora dovrà valutare la necessità di una radicale opera di derattizzazione. Per ora le lezioni proseguono, ma le attività potrebbero essere sospese per la relativa bonifica. Proprio martedì mattina una cinquantina di bimbi della scuola, a due passi dal palazzo della Regione Marche, sono stati trasferiti in altre aule. Il motivo? Nelle loro classi erano appena state trovate tracce di escrementi, così come nel bagno delle maestre.

Al momento la soluzione adottata è quella di alcune esche topicide e la scuola, almeno per ora, resta aperta, anche se ormai ci si avvicina al 30 giugno, data in cui le lezioni termineranno. Per questo alcuni genitori, nel dubbio, avrebbero già deciso di far disertare la scuola ai figli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento