Era già stato denunciato per stalking, incontra la ex e le rompe un braccio: arrestato

Sono stati i carabinieri della stazione di Collemarino a risalire all'ex marito della vittima, ora agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico per stalking

Carabinieri sulla Flaminia - foto di repertorio

Non ha mai accettato la fine di quel rapporto durato una vita ed esauritosi 2 anni fa. Ma la fine del matrimonio ha coinciso con l’inizio del calvario per lei, una 33enne albanese, diventata l’ossessione di quello che ormai era il suo ex: un 43enne anche lui di origini albanesi. Mesi, anni di messaggi, minacce e atteggiamenti violenti che avevano portato la donna a denunciarlo per stalking. Ma non è servito a fermare la furia dell'uomo che sabato scorso ha aggredito la sua ex con un oggetto contundente, forse una pinza o un paio di cesoie da giardino. Fatto sta che l'uomo ha colpito il braccio della 33enne facendola finire in ospedale, dove i medici hanno riscontrato una frattura del polso prima di dimetterla con una prognosi di 30 giorni. Ma lui non solo non avrebbe dovuto colpire la donna, non si sarebbe neanche potuto avviicnare per parlarle perché, a seguito di quella denuncia, il giudice aveva emesso un ordine restrittivo nei suoi confronti. Provvedimento che a nulla è servito sabato scorso quando, intorno alla mezzanotte, lui è arrivato in uno stabilimento balneare di Palombina incontrando lei mentre stava trascorrendo una serata in compagnia dei figli (minorenni e nati dal matrimonio con l'indagato) e altri familiari. Poi è scattata la violenza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono stati i carabinieri della stazione di Collemarino ad intervenire. Guidati dal comandante di stazione Giuseppe Colasanto, i militari hanno raccolto le dichiarazioni della donna, ascoltato le testimonianze degli altri avventori del locale e incastrato l’albanese dalle videocamere di sorveglianza dello chalet balneare. Prove che, nel giro di pochi giorni, hanno convinto il giudice ad applicare la misura cautelare degli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico per il 43enne albanese accusato di stalking

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Elezioni regionali, il nuovo presidente della Regione è Francesco Acquaroli - LA DIRETTA

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento