Spray al peperoncino sul bus, scoperto l'autore: «Era un gioco, ho fatto una cavolata»

Con un'indagine-lampo la polizia ha identificato e denunciato il 19enne che ha mandato all'ospedale 6 persone. Sequestrata la bomboletta di cui si era disfatto nella fuga

La bomboletta sequestrata dalla polizia

Con un’indagine-lampo i poliziotti della Squadra Mobile di Ancona, guidati dal vice questore Carlo Pinto, sono riusciti a identificare e denunciare il giovane che lunedì sera ha seminato il panico a bordo dell’autobus 1/3, in via Giordano Bruno, azionando una bomboletta di spray al peperoncino che ha reso l’aria irrespirabile e ha mandato all’ospedale 6 persone, incluso l’autista. Si tratta di un anconetano di 19 anni, riconosciuto grazie alle 5 telecamere installate sul mezzo della Conerobus e da quelle presenti in piazza Ugo Bassi, dov’era salito. Nessuna responsabilità è stata invece addebitata alla ragazza che si trovava con lui: si conoscevano, ma il loro incontro è stato casuale. 

La serrata attività d’indagine ha consentito agli investigatori di rintracciare, in meno di 48 ore, l’autore del gesto scellerato. «Ho fatto una cavolata, era uno scherzo» avrebbe ammesso ai poliziotti, una volta scoperto. Pesanti le accuse: è stato denunciato per attentati alla sicurezza dei trasporti, interruzione di pubblico servizio e lesioni personali. Ad inchiodarlo, anche il ritrovamento della bomboletta rinvenuta nei pressi del palazzo dell’Enel, in via Giordano Bruno, di cui il giovane incensurato si è disfatto nella fuga quando l’autista, vista la situazione d’emergenza, ha aperto le porte per consentire a una decina di passeggeri di scendere dal bus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo spray al peperoncino, sequestrato dalla Squadra Mobile, è ora all’esame del Gabinetto interregionale di Polizia Scientifica per isolare le impronte digitali. La perquisizione domiciliare, disposta dal pm Rosario Lioniello, non ha invece prodotto altri risultati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, malore mentre si trova in acqua: muore un 69enne

  • Addio Tiziana, sconfitta da un male spietato: una vita dedicata al suo ristorante

  • Cadono calcinacci dalla galleria, torna regolare la viabilità sulla Statale 16

  • Dramma al cantiere, la gru si ribalta: muore operaio 59enne

  • Prima il gelato al bar, poi la "società" per il gratta e vinci: due clienti vincono 10mila euro

  • Crolla una parte del controsoffitto dopo il temporale, la palestra chiude

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento