Un supporto per i giovani jesini, presentata la borsa di studio "Sandro Paradisi"

A ottobre l’uscita del bando annuale del valore di 1.500 Euro che per il 2020 vedrà come destinatario uno dei ragazzi diplomato all’Istituto di Istruzione Superiore “Marconi Pieralisi” di Jesi

JESI - Proprio nel primo giorno di apertura delle Scuole, l’Azienda Paradisi annuncia una nuova iniziativa per le prossime generazioni della Città: una borsa di studio intitolata a Sandro Paradisi. A ottobre l’uscita del bando annuale del valore di 1.500 Euro che per il 2020 vedrà come destinatario uno dei ragazzi diplomato all’Istituto di Istruzione Superiore “Marconi Pieralisi” di Jesi e intenzionato a intraprendere un percorso universitario.

La nuova amministratrice delegata dell’azienda, Gaia Paradisi, motiva così la scelta dell’Azienda:  «Ci ha educato, insieme a nostra madre, al valore dello studio, della cultura e all’amore per il bello e il buono. Ha sempre pensato che la Paradisi, una torneria di precisione, doveva essere attrattiva per giovani motivati e interessati a lavorare con noi. In questa prospettiva ci lascia un compito speciale: alimentare il rapporto con la Scuola e con le prossime generazioni. Ci piace pensare che istituire la Borsa di Studio “Sandro Paradisi” possa essere un gesto concreto, come è nel suo stile, perché la memoria diventi progetto».

La Borsa di Studio “Sandro Paradisi” ha un doppio valore. Per la famiglia significa prolungare la generazione di bene che Sandro ha sempre posto al centro del suo essere Imprenditore ditTerritorio. L’Azienda Paradisi dal canto suo conferma il suo impegno come Benefit Corporation, nella convinzione profonda che la sola massimizzazione del profitto non è più sufficiente a creare dei valori duraturi e che diventa necessario utilizzare il business come forza positiva per la crescita del territorio nel quale l’impresa opera. L’iniziativa ha un partner importante come l’Istituto di Istruzione Superiore “Marconi Pieralisi” di Jesi. Grazie alla preziosa disponibilità del Dirigente Scolastico Corrado Marri è possibile dire che il 2020 è il primo anno di una nuova sfida comune che arricchisce una collaborazione già consolidata. Nel mese di ottobre uscirà il bando per la Borsa di Studio “Sandro Paradisi”. Potranno avanzare le candidature gli studenti che hanno conseguito la maturità nel 2020, attraverso un format adeguatamente predisposto. La valutazione delle candidature avverrà entro il mese di dicembre 2020 e sarà effettuata da una commissione che vedrà impegnati docenti ed esperti dell’azienda. La Borsa equivale ad un premio di 1.500 euro.

La Paradisi è una delle 2.300 aziende certificate B-Corp in tutto il mondo di cui 85 in Italia. Certificata Benefit Corporation nel dicembre 2016, l’Azienda Paradisi è l’unica B-Corp Jesina e rinnova la sua certificazione a febbraio di quest’anno, confermando l’impegno nel rispettare i rigorosi standard previsti per prestazioni sociali e ambientali, responsabilità  e trasparenza. Con l’istituzione della Borsa di Studio “Sandro Paradisi” aggiunge una nuova “azione sociale” per rafforzare il legame con i collaboratori, la comunità, i fornitori e i clienti nel pieno rispetto dell'ambiente. La presentazione di questa nuova iniziativa è avvenuta in Comune di Jesi, con la presenza del Sindaco Massimo Bacci.. “Non me ne vogliano gli altri - ha detto il sindaco - ma ritengo Sandro Paradisi il miglior imprenditore che Jesi abbia avuto negli ultimi anni. Sempre proiettato al futuro e consapevole che il capitale umano è la vera ricchezza e la forza di un’azienda. Ricordo sempre quando ho visitato l’azienda, la passione e l’entusiasmo con cui mi spiegava il funzionamento dei vari macchinari. Ha lasciato una grande testimonianza a tutti noi, come imprenditore, come uomo illuminato, come persona attenta al territorio in cui viveva”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento