Roberto Benigni è “Amico della Fondazione Pergolesi Spontini”

Il Premio Oscar: «Sono onorato di questo dono inaspettato e improvviso, è una sorpresa lietissima. Da qui in avanti sono un amico del ‘Pergolesi’ e un amico di Jesi»

“Da qui in avanti sono un amico del ‘Pergolesi’ e un amico di Jesi”. Parole di Roberto Benigni al Teatro Pergolesi di Jesi dove lo scorso 7 ottobre ha ricevuto la tessera onoraria di “Amico della Fondazione Pergolesi Spontini”, l’albo che riunisce i sostenitori dell’attività dell’ente teatrale. A consegnarla il sindaco di Jesi e presidente della Fondazione Pergolesi Spontini, Massimo Bacci, l’assessore alla Cultura Luca Butini e l’amministratore delegato della Fondazione, Lucia Chiatti.

Occasione della consegna è stata la seconda giornata del Convegno Internazionale di Studi “Letture dell’Inferno di Roberto Benigni” organizzata dai Comuni di Apiro e di Jesi con relatori di fama internazionale e l’intervento straordinario del Premio Oscar Roberto Benigni, sia a Jesi che al Teatro Mestica il giorno precedente. Essere “Amico della Fondazione Pergolesi Spontini” significa andare oltre lo status di semplice spettatore, per vivere un rapporto più diretto e partecipato con il Teatro sostenendone in prima persona le attività istituzionali e culturali. Nel ringraziare per il riconoscimento, Benigni ha così commentato: “Io sostengo il Pergolesi – ha esordito Benigni alla consegna della tessera – Grazie! Sono davvero onorato di questo dono inaspettato e improvviso, è una sorpresa lietissima”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“siamo lieti felici e onorati di consegnare la tessera in via onorifica di amici della fondazione Pergolesi Spontini al maestro Benigni – ha detto Lucia Chiatti – Per noi è un simbolo dell’innamoramento verso il teatro, e di una passione che riesce a far vibrare le corde più profonde dei nostri cuori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Coronavirus, è allerta nel Comune di Ancona: almeno 5 dipendenti in isolamento

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento