Cronaca Montirozzo / Via Gentile da Fabriano

Ambulanze presidiano la Regione: dopo 7 giorni non ancora ricevuti

Futuro incerto e mancato rimborso dei costi. I volontari non si muoveranno fino a quando non avranno ottenuto le garanzie necessarie per continuare ad assistere i cittadini

Le sirene delle ambulanze delle associazioni ANPAS Marche continuano a non suonare. Prosegue il presidio h24 sotto la Regione Marche. Dallo scorso mercoledì 11 dicembre, due ambulanze e un camper di volontari, stazionano giorno e notte davanti al Palazzo di via Gentile da Fabriano. A far scatenare la protesta pacifica, un futuro sempre più incerto caratterizzato da scelte politiche regionali definite inadeguate. Benché il presidio duri ormai da 7 giorni, i volontari delle pubbliche assistenze Anpas non sono ancora stati ricevuti dagli amministratori regionali.

Nessuna risposta dunque, alle istanze rivendicate dal movimento delle Pubbliche Assistenze. Il presidio permanente andrà avanti fino a quando non sarà garantito un effettivo futuro alle associazioni ANPAS marchigiane. Queste ogni giorno, garantiscono il servizio di trasporto durante casi di emergenza più o meno gravi. Da 10 anni le associazioni Anpas, cercano di far garantire la loro dignità e il loro futuro attraverso la messa in campo di politiche mirate.

Invece con il tempo, i rapporti con la Regione sembrano essersi logorati. Gli atti legislativi, già emanati, rischiano di modificare profondamente il livello di assistenza sanitaria essenziale ai cittadini marchigiani. Tra i problemi, l'assenza di scelte capaci di garantire un futuro di sostenibilità: i costi sarebbero moltiplicati per cinque e andrebbero a scapito di chi ha bisogno del servizio. Inoltre, pesa anche il mancato rimborso alle associazioni dei costi effettivamente sostenuti per lo svolgimento del servizio, come invece è previsto da Legge Regionale e Delibere di Giunta.
Infine, le scelte organizzative unilaterali sul settore dell'emergenza vanificano un percorso che da 15 anni, le associazioni supportano per il raggiungimento di un sistema sanitario economico e di eccellenza per la Regione Marche. Anche l'ANPAS Nazionale si stringe alla protesta delle associazioni sanitarie marchigiane.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambulanze presidiano la Regione: dopo 7 giorni non ancora ricevuti

AnconaToday è in caricamento