Consegnati dalla polizia i primi buoni spesa alimentari

Oltre 50 le famiglie che hanno già ricevuto i buoni e li hanno potuti utilizzare nei supermercati o nei negozi che si sono accreditati

La consegna da parte della polizia

JESI - Sono stati consegnati dagli agenti della Polizia Locale i primi buoni spesa alimentari riservati ai cittadini di Jesi che ne avevano fatto domanda e che si trovavano ai primi posti della graduatoria stilata sulla base di precisi criteri di riferimento. Oltre 50 le famiglie che hanno già ricevuto i buoni e li hanno potuti utilizzare nei supermercati o nei negozi che si sono accreditati. Altre famigli saranno contattate la prossima settimana quando - sulla base dello scorrimento della graduatoria predisposta dall’Azienda ai Servizi alla Persona - riprenderà il giro delle consegne, se del caso con l’ausilio anche del personale di alcune associazioni di volontariato.

A Jesi, a cui sono stati assegnati dal Governo poco più di 200mila euro per sostenere le famiglie in difficoltà, sono state oltre 500 le domande pervenute. Gli uffici dell’Azienda Servizi alla Persona stanno procedendo con celerità alle verifiche per poter completare la consegna agli aventi dritto entro la prossima settimana. L’occasione della consegna dei buoni spesa alimentare ha permesso di sperimentare un sistema informatico che crea una precisa mappa della città e di tutti gli utenti che beneficiano di servizi sociali o assistenziali di varia natura. Questo, in futuro, consentirà di verificare la corretta distribuzione dei vari benefici e accertare che le provvidenze, di qualsiasi natura esse siano, vengano assegnate evitando disparità di trattamenti o sovrapposizioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Accanto tutto questo - sottolinea l’assessore ai servizi sociali Marialuisa Quaglieri - non va perso di vista lo straordinario lavoro che stanno svolgendo le associazioni di volontariato, con le quali abbiamo attivato dei percorsi per aiutare le persone in difficoltà sia per la consegna dei farmaci che di pasti e generi di prima necessità a domicilio. È una rete di volontariato enorme, che si è ulteriormente ampliata in questi giorni con l’adesione di tanti nuovi cittadini che hanno deciso di mettere a disposizione il loro tempo per la collettività. Tutto questo rappresenta un preziosissimo supporto per il Comune, che permette non solo di garantire oggi il sostegno ai soggetti più fragili (ed il fatto che non si siano registrate lamentele conferma che tutto sta funzionando al meglio), ma consente anche di guardare con più fiducia al futuro per affrontare le nuove emergenze sociali ed economiche che si presenteranno. Insomma, mi sento di dire che, dopo lo straordinario lavoro del personale sanitario tutto, dobbiamo assolutamente ringraziare il terzo settore, senza il quale la macchina di aiuti non avrebbe potuto funzionare così egregiamente. E sono certo che è un grazie dell’intera comunità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • «Non faccio sesso da 2 anni», donna lo urla ed arrivano decine di persone

  • «Con quella mascherina nera non può votare»: avvocatessa respinta dal seggio

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento