Cronaca

Pensioni a domicilio, accordo tra Poste e Carabinieri: «Così 23mila richiederanno la consegna»

I Carabinieri del Comando provinciale di Ancona ribadiscono l'importanza di usufruire del servizio evitando cosi di doversi recare negli uffici postali

Il Comando provinciale dei Carabinieri di Ancona richiama l’attenzione sulla convenzione siglata dall’arma dei carabinieri con Poste Italiane per consegnare la pensione agli anziani.  Il 6 aprile, infatti, Poste Italiane e l’Arma dei Carabinieri hanno sottoscritto a livello nazionale una convenzione grazie alla quale tutti i cittadini di età superiore a 75 anni che percepiscono prestazioni previdenziali presso gli Uffici Postali, che riscuotono normalmente la pensione in contanti, possono chiedere di ricevere gratuitamente le somme in denaro presso il loro domicilio, delegando al ritiro i Carabinieri. Il servizio non potrà essere reso a coloro che abbiano già delegato altri soggetti alla riscossione, abbiano un libretto o un conto postale o che vivano con familiari o comunque questi siano dimoranti nelle vicinanze delle loro abitazione.

I pensionati potranno contattare il numero verde 800 55 66 70 messo a disposizione da Poste o chiamare la più vicina Stazione dei Carabinieri per richiedere maggiori informazioni.  Grazie a questa collaborazione 23 mila pensionati di età pari o superiore a 75 anni potranno richiedere la consegna della pensione a domicilio per tutta la durata dell’emergenza da Covid-19, evitando cosi di doversi recare negli uffici postali. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensioni a domicilio, accordo tra Poste e Carabinieri: «Così 23mila richiederanno la consegna»

AnconaToday è in caricamento