Loreto: arrestati per furto, liberi il giorno dopo

I tre componenti di una banda colti sul fatto mentre uscivano da un appartamento di via Umbria liberi il giorno successivo all'arresto per motivi legali. La rabbia dei cittadini

Non è stata certo colpa delle forze dell’ordine, che avevano arrestato – e subito – la banda al completo. E non si può nemmeno accusare il giudice, che ha applicato come suo dovere la legge. Ma più che essere consolatoria, la considerazione che tutti gli ingranaggi del sistema hanno funzionato alla perfezione serve solo ad aumentare la rabbia dei cittadini di Loreto, che hanno visto tre ladri in libertà il giorno dopo aver commesso il fatto.

I FATTI. L’operazione dei Carabinieri del Capitano Conforti era stata impeccabile, Loreto era stata praticamente cinta d’assedio dai militari, tutti i mezzi schierati, tutte le vie di fuga presidiate: nel mirino una banda di ladri sospettata di una serie di colpi, che partiva da Teramo per venire a svaligiare la provincia anconetana. Sono stati catturati tutti e tre, colti sul fatto mentre uscivano da un appartamento di via Umbria: addosso – racconta il Corriere Adriatico – avevano attrezzi da scasso e la chiave del covo, un residence di Silvi Marina in cui le forze abruzzesi hanno trovato ogni ben di Dio, refurtiva di crimini recenti.
Ma. Ma dei tre componenti del gruppo, tutti cittadini rumeni, due (donne) erano incensurate (G. M., 28enne, e R. C. M., 25enne) mentre il terzo, C. C., 26enne, pluripregiudicato, non aveva carichi pendenti perché aveva già saldato i vecchi conti con la legge. Dunque liberi tutti, in attesa del processo, che non si terrà prima di marzo.

I cittadini lauretani sono comprensibilmente sconcertati e arrabbiati, specie in un periodo come questo in cui i furti in appartamento si susseguono incessantemente.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento