Balla in strada e sogna l'alta moda, intervista a Ivan: il "ballerino di Ancona"

Venderlo danzare negli angoli più improbabili di Ancona, lo ha reso una piccola celebrità. Ormai tutti lo conoscono come il ballerino di Ancona. Si chiama Ivan, ha 24 anni ed è originario della Bulgaria

Ivan

Vederlo danzare (come in questo VIDEO) negli angoli più improbabili di Ancona, lo ha reso una piccola celebrità. Ormai tutti lo conoscono come il ballerino di Ancona. Si chiama Ivan, ha 24 anni, è cresciuto a Perugia ma è originario della Bulgaria. Lui la musica ce l’ha nel sangue, da quando ha mosso i primi passi a 5 anni, imparando i latino-americani. Poi è passato alla danza moderna e hip-hop. Da lì non si è più fermato. Chi lo ama pensa sia una una bella novità in una città come il capoluogo dorico e lo incita nelle sue esibizioni. Chi lo odia lo reputa un folle e magari lo ha anche insultato. Ivan attualmente vive in Ancona dove studia per diventare ingegnere, mentre sogna di sfondare nel mondo della moda o del ballo. Quasi tutte le sere lo potete trovare davanti al Comune, piazza Kennedy o lungo il viale della Vittoria. E’ lì che, sguardo basso e cuffie nelle orecchie, balla come un forsennato.

Ma perché si mette a ballare in mezzo alla strada?

“Perchè per me è uno sfogo e poi mi serve come allenamento tutti i giorni perché così il mio corpo non invecchia mai. Poi è bello vedere qualche persona che sorride ed è contenta di di vederti. Vado in strada perché in palestra non avrei mai lo spazio che voglio. In palestra non mi darebbero mai una stanza e in casa non posso, per cui vado in strada”.

Allora sono curioso di capire perché proprio sulle scalinate del Comune o in piazza Kennedy?

“Se vado in Comune ci sono quelle belle gradinate dove è come se fossi in un concerto, per cui vado molto su e, se ascolto la canzone di un artista, mi esibisco come lui, possibilmente dopo aver visto un suo concerto o alcuni documentari. Mi esibisco su quella coreografia che mi trasmette qualcosa. Piazza Kennedy o il viale perché c’è molto spazio semplicemente”.

Qualcuno potrebbe pensare che lei faccia tutto questo per esibizionismo.

“Sinceramente credo sia più probabile che pensino sia più un pazzo o un drogato. Diciamo che c’è una schiera di persone dai 15 anni in su da cui arrivano anche risate, insulti e cose volgari. Secondo  me sono loro i pazzi perché hanno una maschera e la usano per giudicare una persona che non conoscono. Prima di giudicare qualcuno dovrebbero guardare se stessi”.

Ma a lei tutto ciò importa poco. A lei interessa il ballo e per ballare che musica ascolta?

“Pop, rock, minimal, elettronica, tecno. Madonna per me è la regina, è il centro della musica perché sa il fatto suo, sa cercare in ogni angolo uno spunto per la musica. E’ il mio idolo. Poi anche Michael Jackson, Will Smith, Beyoncé. Ogni artista ha il suo ruolo. Se ad esempio ascolto Beyoncé, devo fare dei movimenti più accentuati perché lei è più formosa e sensuale”.

Quando ha capito che voleva ballare?

“Avevo 5 anni, ero in strada e ho sentito una musica che mi ha dato una botta allo stomaco. Ha suscitato qualcosa in me che non so….Da quella volta, musica o no, voglio ballare”.

Provare un talent? Ci ha mai pensato?

“Ma siamo in Italia e qui i talent sono una cavolata. Se fossi in America sicuramente sarei andato ad American’s Got Talent perché lì sono più liberi”.

Cosa sogna di fare ad Ancona?

“Vorrei fare qualcosa in questa città, vorrei fare un flash mob, far chiudere in pezzo di strada, portarci gente e ballare tutti insieme”.

Per chiudere. Cosa direbbe da oggi a tutti quelli che, passando davanti a lei mentre balla, la scherniranno?

“Io sono me stesso e non cambio per nessuno. Spero di aver portato ad Ancona qualcosa di bello, facendo divertire chi passa per le vie di questa città. Alla fine dopo un anno e mezzo ci sei tu che mi hai fatto un’intervista per cui qualcosa di buono lo avrò fatto. Ed è una sicurezza in più per me”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento