Insieme si può, gli ingegneri di Ancona dicono di Sì al gioco di squadra

Si è tenuta per la prima volta a Jesi l'assemblea provinciale della categoria, durante la quale è emersa la necessità di stringere sinergie con gli altri professionisti, l'associazionismo e le istituzioni

Tutti in piedi per ascoltare l’inno di Mameli. Ha avuto avvio così ieri l’assemblea annuale dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Ancona, che per la prima volta è stata inaugurata a Jesi, al teatro Pergolesi, quasi in un passaggio simbolico del testimone tra Roberto Renzi, ora assessore ai lavori pubblici della città di Federico II ed Alberto Romagnoli, alla guida della categoria, che, nel suo discorso di apertura, ha voluto dedicare un minuto di raccoglimento per la scomparsa prematura della già presidente della provincia di Ancona, Patrizia Casagrande. Il lei motiv dell’assemblea è stato “Insieme si può”: non è solo uno slogan, ma la reale strategia messa in campo dal nuovo consiglio dell’Ordine, a cinque mesi dal proprio insediamento.

«Gli ingegneri, insieme alle altre professioni, alle istituzioni, alla politica, alle associazioni di categoria hanno il compito di fare rete - ha detto Romagnoli - per condividere informazioni, scambiare idee, competenze ed esperienze. La rete ha il potere di contribuire a ricreare identità e coesione professionale». Il presidente degli ingegneri di Ancona ha scelto per il suo discorso all’assise la favola di Esopo “il contadino ed i figli discordi”, la cui morale evidenzia che più grande è la concordia, maggiore è l’unione e la forza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non è un caso che all’assemblea fossero presenti i rappresentanti dei geologici, degli architetti, dei geometri, dei periti industriali, il presidente della federazione degli ordini degli ingegneri delle Marche e Raffaele Solustri, in rappresentanza del Consiglio Nazionale Ingegneri. Una formazione compatta, proprio perché insieme è più facile ottenere risultati ed essere più competitivi sul mercato, come recentemente accaduto con il ddl sull’equo compenso, votato alla Camera, ed esteso a tutti i professionisti italiani. E in questa direzione va il cambio di passo del nuovo consiglio dell’ordine degli ingegneri di Ancona, sempre più pronto a giocare in squadra, diventando un punto di riferimento per l’intero territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento