Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Jesi

L'esplosione della caldaia lo investe in pieno, operaio lotta tra la vita e la morte

L'incidente è avvenuto quando da poco erano passate le 11 di martedì mattina. Sul posto Carabinieri, Polizia, vigili del fuoco e 118

Lotta per la vita l'operaio di 50 anni, rimasto gravemente ferito questa mattina all'interno della centrale termica dell'ospedale "Carlo Urbani" di Jesi. Per motivi ancora da accertare, è esplosa la caldaia, il cui portellone ha investito in pieno l'uomo. Sul posto intervenuti i Carabinieri, la Polizia, Icaro, il 118 ed i vigili del fuoco. Il locale è stato sottoposto a sequestro per le indagini soltanto nella parte interessata dall’incidente. Rimane comunque garantita la continuità del servizio.”

La dinamica

Un boato improvviso e la copertura della canna fumaria che vola a centinaia di metri di distanza. A raccontare quanto successo è stato Ivo Tittarelli, un residente di via Agraria, che abita a circa 200 metri dalla centrale termica del nosocomio cittadino. E' stato proprio lui a correre al vicino ospedale e allertare i soccorritori. Poco prima aveva sentito le grida di dolore provenire dalla struttura. A terra, a poca distanza da quel che rimaneva di una caldaia, un operaio di circa 50 anni, investito qualche minuto prima dalla terribile esplosione. Sul posto è subito intervenuta l'ambulanza della Croce Verde di Jesi che ha anticipato di qualche minuto l'arrivo dei vigili del fuoco e della Polizia locale. L'operaio, è stato intubato e trasportato in eliambulanza all'ospedale regionale di Torrette con un codice rosso. Le sue condizioni, viste anche le importanti ustioni riportate sul corpo, sono gravissime. La dinamica è ancora al vaglio degli investigatori che dovranno ricostruire cosa sia andato storto. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'esplosione della caldaia lo investe in pieno, operaio lotta tra la vita e la morte

AnconaToday è in caricamento